Metodo Mezieres: a cosa serve ed esercizi più efficaci

Il Metodo Mezieres consiste in esercizi posturali e correttivi specifici in caso di problemi muscolari, articolari, tendinei, ossei e persino circolatori. Ecco cosa bisogna sapere

Metodo Mezieres: a cosa serve ed esercizi più efficaci

Quando si parla di esercizi posturali e correttivi si è soliti pensare alla ginnastica dolce, tipica dello yoga e del pilates. Il Metodo Mezieres consiste in esercizi specifici adatti in caso di problemi muscolari, articolari, tendinei, ossei e persino circolatori.

A differenza delle altre tecniche di ginnastica posturale, il lavoro eseguito con questo metodo coinvolge sia il paziente che il terapista su più livelli; è un lavoro che coinvolge fisicamente e psicologicamente.

Françoise Mézières, ideatrice del metodo, è una fisioterapista francese che presentò la sua teoria nel 1947. Sulla base dello studio di tecniche ed esercizi posturali, la fisioterapista intuì che le parti del corpo, dalla testa ai piedi, sono tra loro collegate. Un dolore, un fastidio, un trauma si ripercuote su altre zone per effetto di compensazione.

Prima di focalizzare l’attenzione sui principali esercizi del metodo, bisogna comprendere e conoscere alcuni aspetti e principi fondamentali su cui il metodo stesso si basa.

Il Meteodo Mezieres consiste in una ginnastica dolce utile per chi soffri di problemi muscolari
Il Meteodo Mezieres consiste in una ginnastica dolce utile per chi soffri di problemi muscolari

A cosa serve il Metodo Mezieres

Il Metodo Mezieres è adatto per curare i disturbi muscolari, articolari, ossei e persino circolatori. In generale, gli esercizi proposti aiutano a migliorare la postura del nostro corpo. Inoltre, è efficace contro il mal di schiena, la sciatalgia e la lombalgia, per i dolori articolari o cervicali, ernie discali e le nevralgie. Serve anche per trattare i disturbi e i dolori causati da reumatismi e rigidità delle articolazioni.

L’obiettivo degli esercizi proposti dal metodo è ripristinare la simmetria del corpo utilizzando le tecniche posturali per allungare le parti del corpo che hanno perso elasticità.

Secondo la Mézières i muscoli sono collegati tra loro e creano quella che lei definisce “catene muscolari”. In breve, queste catene si comportano come se fossero un unico muscolo tanto da influire e interferire sulle altre aree nelle quali si immettono.

Per questo motivo, è importante allungare queste catene per evitare casi come la scoliosi, la lordosi e la cifosi. Inoltre, il metodo è utilizzato anche per prevenire tendiniti, contratture, stiramenti e strappi.

Controindicazioni

Sebbene il Metodo Mezieres risulta efficace nella cura e trattamento di diverse condizioni fisiche posturali, sono state segnalate anche delle controindicazioni. In particolare, il metodo non può essere proposto alle donne nei primi tre mesi di gravidanza poiché potrebbe indurre all’aborto spontaneo.

Le posture proposte dallo specialista sono differenti in base al singolo caso
Le posture proposte dallo specialista sono differenti in base al singolo caso

Inoltre, non è adatto ai pazienti che manifestano una condizione infiammatoria acuta o infettiva. Non può essere utilizzato su coloro che soffrono di patologie degenerative dei muscoli (atrofia muscolare) o quando sono presenti stati psicotici. Un altro elemento da non sottovalutare che influisce negativamente sul metodo è la poca partecipazione e motivazione del paziente.

Premessa agli esercizi

Prima di iniziare la seduta vera e propria, il fisioterapista osserva il paziente per conoscere la morfologia fisica e la postura del paziente. Per questo motivo, gli viene chiesto di mettersi in piedi, poi piegarsi in avanti ed infine sdraiarsi a terra in posizione supina.

Le posture proposte dallo specialista sono differenti in base al singolo caso. Il metodo non ha delle posizioni standard, ma queste vengono proposte dallo specialista in base alle deformazioni e disequilibri presenti, dalle compensazioni che il corpo mette in atto durante la fase di allungamento e in base al dolore percepito. I tempi delle sedute possono variare proprio in base alla risposta del corpo.

Gli esercizi posturali si eseguono su un tappetino o su un attrezzo che permetta l’allungamento degli arti. Fondamentale sarà la respirazione durante l’esercizio stesso. Terminata la seduta, il paziente potrà manifestare dei giramenti di testa dovuti alla stimolazione e allungamento dei muscoli e degli arti.

 il metodo è utilizzato anche per prevenire tendiniti, contratture, stiramenti e strappi.
il metodo è utilizzato anche per prevenire tendiniti, contratture, stiramenti e strappi.

Esercizi del Metodo Mezieres

Tra gli esercizi base del Metodo Mezieres troviamo la posizione a terra in cui la parte che lavora è il busto. Questo esercizio, che esclude del tutto le gambe, ha la funzione di fare comprendere al paziente come eseguire correttamente la respirazione.

Una volta compresa ed eseguita correttamente questa posizione, si può procedere ad alzare le gambe e riuscire a contrarre i muscoli in modo tale da mantenere la posizione e mettere in tensione tutto il corpo, dalla testa ai piedi. Durante l’esercizio, il compito del fisioterapista sarà quello di controllare e correggere eventuali disequilibri e asimmetrie. Il corpo, per compensare la posizione assunta potrà tremare.

Un altro esercizio, considerato difficile specialmente all’inizio, è quello da eseguire seduti. L’esercizio consiste nel mantenere il busto dritto e stendere le gambe in modo da formare un angolo minore di 90°. Le braccia dovranno essere posizionate in modo che la schiena non si curvi, mentre le gambe e le ginocchia sono distese e le caviglie flesse in avanti.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!