Dieta del digiuno intermittente: lo schema settimanale per dimagrire in fretta

La dieta del digiuno intermittente aiuta a dimagrire velocemente perché accelera il metabolismo. Si basa sull’alternanza di pasti completi e regolari al digiuno durante le ore della giornata. Ecco cosa prevede e quali sono i vantaggi e svantaggi

Dieta del digiuno intermittente: lo schema settimanale per dimagrire in fretta

Oggi le diete alimentari predisposte per il dimagrimento sono moltissime. In tante promettono di fare perdere i chili di troppo anche velocemente; pensiamo, per esempio, alla dieta dissociata o alla dieta scarsdale. La dieta del digiuno intermittente, è un tipo di dieta che sta spopolando perché aiuta a dimagrire più in fretta perché riesce a fare accelerare il metabolismo.

Questo programma alimentare è scelto soprattutto dagli sportivi che hanno bisogno di perdere peso prima di partecipare a gare importanti.

La dieta si basa sull’alternanza di pasti completi e regolari a digiuni brevi o prolungati. Il programma alimentare non è prestabilito ma permette di scegliere come impostare l’alternanza pasto-digiuno. Nei vari metodi quello che cambia è il periodo di tempo tra le due fasi.

Scopriamo in cosa consiste, quali alimenti vengono suggeriti e quali vantaggi e svantaggi può comportare per l’organismo.

Nella dieta del digiuno intermittente non sono esclusi alimenti
A differenza delle altre, la dieta del digiuno intermittente non esclude alimenti

Schemi della dieta del digiuno intermittente

La dieta del digiuno intermittente prevede in linea generale una fase di digiuno, la fase fast, e un’altra in cui si può mangiare regolarmente, la fase fed.

La prima dura dalle 12 alle 20 e prevede di potere assumere acqua, caffè amaro, tè e bevande senza zuccheri ma nessun cibo. Nelle successive ore, si può mangiare come di consueto.

Le tipologie di dieta del digiuno intermittente

I nutrizionisti e preparatori atletici che appoggiano e promuovono questo tipo di dieta sono differenti. Ognuno di loro, pur concordando nell’efficacia del digiuno propone delle varianti alla dieta.

Quella più nota è la leangains, conosciuta anche come intermittent fasting o digiuno intermittente leangains. Questo programma alimentare si basa sulla suddivisione della giornata, tra fase fast/fed, sullo schema 16/8. Ciò significa che il digiuno completo deve essere di 16 ore per poi lasciare il posto ad 8 ore in cui poter mangiare fino a 3 pasti.

La dieta ​Eat Stop Eat, consiste nel digiunare per 24 ore, una o due volte a settimana. Nei casi, in cui è necessario, però prevede di poter assimilare alcuni cibi ipocalorici.

La Warrior Diet, invece, prevede 4 ore di fed in cui si può mangiare tutto e degli spuntini a base di verdure e frutta secca.

La dieta Fast, nota anche come digiuno a giorni alterni, prevede di poter mangiare regolarmente per 5 giorni a settimana e di digiunare completamente, o quasi, negli altri 2 giorni. Nei giorni di digiuno, è concesso fare solo un’abbondante colazione e una cena.

La Whole day fasting, a differenza della Eat Stop Eat, suggerisce uno o due giorni di completo digiuno, mentre negli altri 5 giorni si può mangiare di tutto.

Durante la fase fed si può mangiare qualsiasi cosa
La dieta del digiuno intermittente prevede di poter mangiare qualsiasi cosa nella fase Fed

Schema settimanale

Se alcune tipologie di programmi alimentari sono intuibili perché prevedono fasi di digiuno totale a fasi in cui si può mangiare di tutto, in altri casi sono necessarie delle indicazioni.

Prendiamo ad esempio la dieta leangains che, come detto prevede una fase fed di 8 ore, e una fase fast di 16 ore.

A colazione e durante l’intera giornata ci si può concedere the verde, caffè amaro, tisane non zuccherate, acqua.

A pranzo, invece, dopo le 12, si può mangiare pasta al pesto, verdura mista con un cucchiaio d’olio, frutta. (Da qui inizia la fase fed, in cui potete consumare pasti per le successive 8 ore)

Dalle ore 16, potete fare merenda con 15 g di frutta secca, una frutta e 50 g di gallette di riso o mais.

A cena, dopo le 19, il programma prevede merluzzo al forno, pane di segale o integrale, verdure miste condite con un cucchiaio d’olio, un bicchiere di vino. È importante fermare la fase fed, dopo 8 ore dall’inizio del primo pasto, colazione esclusa.

La dieta fast, consiste in 5 giorni in cui si mangia regolarmente e 2 giorni a restrizione calorica. In questi 2 giorni vengo consigliati il consumo di alimenti proteici. A colazione, si può mangiare per esempio, uova strapazzate, prosciutto e tè; per cena, invece, pollo, pesce e verdure grigliate.

Il pasto della cena deve essere più leggero
A cena è preferibile mangiare più leggero

Vantaggi e svantaggi del digiuno intermittente

La dieta del digiuno intermittente apporta vantaggi non solo per la perdita di peso e l’accelerazione del metabolismo. Questa abbassa notevolmente anche il livello di insulina che causa malattie cardiovascolari e cancro. Questa dieta permette anche di fare aumentare la secrezione dell’ormone della crescita (GH) che permette di assimilare le proteine, bruciare grassi ed abbassare i trigliceridi. L’alternanza alimentazione-digiuno favorisce anche la rigenerazione delle cellule.

Tuttavia questo programma alimentare così drastico non è adatto a tutti. In particolar modo è sconsigliato a chi soffre di diabete, ipoglicemia, squilibrio del cortisolo, stanchezza cronica. Da evitare è anche per le donne in gravidanza e allattamento.

È importante comunicare al proprio medico l’inizio del programma alimentare e informarlo in caso di effetti collaterali riscontrati. Tra questi i disturbi del sonno, l’ansia, l’irritabilità e la disidratazione.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!