Sara Pegoraro, la modella morta a 26 anni: la causa della morte (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ci sono morti improvvise, che si portavo via, in un batter di ciglia, i sogni, le speranze, i desideri di giovanissimi. Troppi, troppi ragazzi stroncati da un tragico destino. Troppe vite distrutte da incidenti, malattie, uccisioni ma anche da richieste d’aiuto forse rimaste inascoltate che forse avrebbero potuto evitare una conseguenza fatale, devastante per tutti coloro che amavano la vittima.

La storia di Sara Pegoraro, una bellissima modella 26enne trevigiana, ha sconvolto non solo la sua città, Treviso, ma tutta l’Italia che si è trovata a leggere del decesso improvviso di questa ragazza.

Era bellissima Sara, con il suo sguardo ipnotico, il fisico mozzafiato, e con le sue passioni affidate ai social, che utilizzava a mò di diario, con scatti da copertina, viaggi esotici, il brivido per i motori, i suoi tanti tatuaggi.

Sara, come molte ragazze della sua età, rimetteva ai social le belle esperienze che caratterizzavano nel quotidiano la sua vita ma, a pochi giorni dalla sua morte per malore improvviso, sono emersi dettagli agghiaccianti che potrebbero portare a rivedere e stravolgere il caso.

Ma per capire quel che è accaduto, occorre far un passo indietro, al giorno precedente la sua morte. Il 23 giugno la modella accusa un malore all’uscita dal supermercato, finisce in un fossato e, per fortuna, tempestivamente soccorsa e medicata, viene dimessa.