Correre per dimagrire: ecco gli allenamenti più efficaci

La corsa ha tanti vantaggi, permette anche di dimagrire. Bisogna però seguire delle regole e degli accorgimenti per non farsi male. Correre per dimagrire vuol dire impegnarsi e avere costanza; i risultati si vedranno e ne sarete orgogliosi.

Correre per dimagrire: ecco gli allenamenti più efficaci

Molte persone decidono di iniziare a svolgere un’attività sportiva per perdere peso. Come la camminata, anche la corsa fa bene alla nostra salute. Scegliere di iniziare a correre per dimagrire è una scelta corretta, ma bisogna saperlo fare, soprattutto per evitare di farsi del male.

I benefici della corsa sono tanti, chiedetelo ai milioni e milioni di runner amatoriali che ogni giorno incontriamo nelle strade asfaltate o campestri mentre si allenano o che invadono le nostre piazze intenti a correre una maratona. La corsa, che sia su strada o su un tapis roulant, migliora la pressione sanguigna, rafforza il sistema immunitario, riduce il rischio di malattie cardiache, rinforza muscoli e organi, aumenta la massa ossea, migliore il nostro umore e aiuta a dimagrire. E come ignorare la possibilità di socializzare e il divertimento che ne consegue?

Scopriamo dunque come bisogna allenarsi con la corsa, seguendo dei consigli mirati per il dimagrimento.

L'impegno e la costanza sono fondamentali nel correre per dimagrire
Correre per dimagrire richiede costanza e impegno

Correre per dimagrire: le premesse

La corsa, anche quando finalizzata al dimagrimento, non deve essere presa alla leggera al fine di evitare traumi ai muscoli e ai tendini. Gli allenamenti e l’intensità della corsa devono essere eseguiti gradualmente nel tempo. Correre per dimagrire vuol dire impegnarsi e avere costanza.

Bisogna però fare prima una premessa e ricordare che perdere e bruciare grassi sono due concetti differenti. Per dimagrire, anche con la corsa, non basta bruciare i grassi; è invece fondamentale bruciare quante più calorie possibili in base a quante ne assumiamo quotidianamente.

Un altro aspetto importante da ricordare è che durante la corsa, il nostro organismo per produrre energia usa sia i carboidrati (corsa veloce ed intensa) che il grasso (corsa lenta); entrambi quindi sono indispensabili. Quando il nostro obiettivo è correre per dimagrire dobbiamo ricordarci che non è la corsa lenta o veloce che ci permette di ottenere il dimagrimento ma è l’intensità con cui lavoriamo; questa non deve però superare la soglia aerobica. Per regolarci possiamo, per esempio, utilizzare un cardiofrequenzimetro o una qualsiasi applicazione sul cellulare che ha la funzione contapassi o la misurazione della distanza.

I falsi miti

Sulla corsa se ne sentono davvero tante. Per dimagrire, specialmente quando si svolge attività sportiva, non bisogna rinunciare ai pasti. L’alimentazione è importantissima, deve essere equilibrata e deve quindi comprendere proteine, carboidrati, vitamine, minerali, etc. I carboidrati assunti si trasformano in grassi solo se sono in eccesso.

Un altro mito da sfatare è che per dimagrire bisogna sudare e per questo motivo in tanti si avvolgono pellicole o si vestono con un abbigliamento antitraspirante. Sbagliato, durante l’allenamento perderete solo liquidi che riacquisterete bevendo subito dopo sentendone la necessità e faticherete molto di più.

il cardiofrequenzimetro aiuta a regolare l'intensità dell'allenamento nel correre per dimagrire
Al fine di correre per dimagrire possiamo utilizzare anche un cardiofrequenzimetro

Come allenarsi di corsa per dimagrire

Anche quando il nostro scopo è correre per dimagrire non dobbiamo dimenticare che l’efficacia e la costanza degli allenamenti fatti bene, senza improvvisarsi atleti o allenatori, sono sempre premiati con i risultati. Correre per dimagrire vuol dire impegnarsi nell’attività e non esagerare pensando di velocizzare il risultato finale. Anche il recupero fisico è importante per il dimagrimento.

Quando la corsa è finalizzata al dimagrimento è importante riuscire ad attivare il metabolismo aerobico, al fine di consumare grassi, carboidrati ed aminoacidi. È importante, specialmente all’inizio, che l’allenamento non sia superiore ai 20 minuti e l’intensità della corsa deve essere costante e non eccessiva.

L’allenamento per principianti

I principianti, per esempio, dovrebbero iniziare con sessioni di camminata veloce per poi alternare, dopo qualche settimana, minuti di camminata veloce (che servono anche a recuperare) a minuti di corsa. L’ideale è iniziare allenamenti alternando 2 minuti di camminata a 2 minuti di corsa per poi proseguire, dopo qualche settimana, con 2 minuti di corsa a ritmo blando a 2 minuti di corsa ad alta intensità (senza superare l’80% della frequenza cardiaca).

L'alimentazione equilibrata è fondamentale per correre per dimagrire
Correre per dimagrire non vuol dire rinunciare ai pasti ma mangiare correttamente

Un altro tipo di allenamento che permette di correre per dimagrire, ma anche di aumentare la resistenza e la forza aerobica, è quello che in gergo tecnico viene definito “fartlek” o “interval training”. Questo tipo di allenamento prevede delle variazioni di velocità su distanze non troppo lunghe, in genere 200, 300, 400 metri, da percorrere con un’intensità maggiore per poi fare un recupero attivo con la corsa lenta.

Dopo che avrete acquistato un po’ di resistenza e fiato potrete anche provare a fare una corsa medio-veloce. In questo tipo di allenamento l’obiettivo è riuscire a percorre una distanza, non eccessiva, mantenendo un ritmo di corsa non eccessivamente veloce ma superiore al ritmo della vostra corsa lenta.

Un ultimo consiglio. Ricordatevi, prima e dopo l’allenamento di dedicare un po’ di tempo allo stretching.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!