Camminare fa bene alla schiena e al cuore. Ecco tutti i benefici

Camminare per tre volte a settimana, per la durata di 35/40 minuti, apporta al nostro organismo numerosi benefici tra cui la perdita di peso, il miglioramento dell'umore, rinforza ossa e articolazioni

Camminare fa bene alla schiena e al cuore. Ecco tutti i benefici

Il semplice camminare a passo spedito, ma tale da consentire di poter parlare con le amiche mentre lo si pratica insieme, apporta benefici sull’organismo e sulla psiche.

Ecco perchè una passeggiata all’aria aperta, praticata almeno tre volte alla settimana si definisce sana e molto consigliata ed aiuta il nostro organismo sotto tanti punti di vista.

Aiuta a ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo, numerosi studi provano che camminare a passo sostenuto per almeno 30 minuti al giorno riduce il rischio di infato e ictus del 30/40 per cento.

Rispetto alla corsa brucia molto più grasso e quindi fa perdere peso. Nella corsa infatti per mantenere un battito cardiaco elevato il corpo brucia piu zuccheri, mentre nella camminata per mantenere le pulsazioni inferiori, il corpo tende a consumare e bruciare il grasso corporeo. E non solo, una passeggiata al giorno di anche soli 15 minuti, evita di far riprendere quei chili persi.

Nella camminata non ci sono controindicazioni, se si hanno dei disturbi alle ossa oppure alle articolazioni, o se si è fuori allenamento… non potendo praticare sport ad alto impatto e intensa attività cardiaca, la camminata è lo sport giusto se si vuole mantenere o ritrovare la forma fisica.

Camminando si rinforzano ossa e articolazioni, aumentando i minerali che sostengono le ossa, inoltre essendo un attività poco impegnativa e non ad alta intensità come l’aerobica, si riduce notevolmente il rischio di cadute ed osteoporosi.

Quando camminiamo con regolarità i muscoli producono le endorfine che sono molecole importanti che risollevano l’umore insieme alla serotonina. Possiamo dunque dire che camminare è anche un antidepressivo naturale, chi cammina nota una diminuzione dello stress e della depressione.

La camminata o walking migliora le attività cognitive, più dello streching o altri esercizi faticosi; questa attività stimola le funzioni cardiorespiratorie, aumenta l’irrorazione di sangue al cervello, migliorandone le funzioni.

I nostri video tutorial
Silvana Bruzzano

Cosa ne pensa l'autore

Silvana Bruzzano - Pratico walking oramai da anni e non lo lascerei per nessun altra attività che vada di moda, vuoi mettere lo stare all'aria aperta, guardarsi intorno , la natura e rilassare la mente, prendermi cura della mia salute, liberare la mente dai pensieri più ingombranti e perchè no, migliorare la longevità...la vita sedentaria proprio non fa per me.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!