Globuli bianchi alti in gravidanza: cause principali e valori normali

Avere i globuli bianchi alti in gravidanza è fisiologico. Tuttavia, le cause dell'aumento del loro numero può dipendere anche da altri fattori.

Globuli bianchi alti in gravidanza: cause principali e valori normali

Nel periodo di gestazione il corpo della donna subisce tantissime trasformazioni; molti valori nel sangue e nelle urine aumentano o diminuiscono. Questo è il motivo per cui quando si è in dolce attesa, la futura mamma deve fare diverse analisi di laboratorio. I globuli bianchi alti in gravidanza sono, per esempio, un fenomeno ricorrente e fisiologico e non deve destare allarmismi. È, infatti, naturale che il loro valore aumenti in queste particolari condizioni: si tratta di leucocitosi. La loro conta costituisce un esame di routine che viene ripetuto periodicamente.

Conosciuti anche come neutrofili, costituiscono la parte più numerosa dei leucociti. Questi hanno la funzione di proteggere il nostro organismo dagli attagli degli agenti patogeni: virus, batteri, funghi e parassiti di ogni tipo.

Le cause del loro aumento possono essere differenti e, proprio per questo motivo, è importante verificare il valore e consultare il medico.

Ma cosa significa esattamente quando accade? Da cosa dipende? Quando bisogna preoccuparsi?

I globuli bianchi ci proteggono dagli attacchi degli agenti patogeni
I globuli bianchi sono cellule che hanno la funzione di proteggerci

Classificazione dei globuli bianchi

I globuli bianchi, o leucociti, sono delle cellule che si trovano nel sangue ed hanno la funzione di proteggerci dagli attacchi degli agenti patogeni. Si devono considerare, a tutti gli effetti, uno scudo protettivo.

Ne esistono di diversi tipi, ognuno dei quali ha delle specifiche funzioni.

I neutrofili difendono l’organismo da batteri e funghi; ci sono anche gli eosinofili che ci proteggono dai parassiti di grossa dimensione e in caso di allergia. I basofili rilasciano sono quelle cellule che rilasciano una sostanza, chiamata istamina, durante le allergie e in caso di infiammazioni. Tra i globuli bianchi ci sono anche i linfociti che hanno la funzione di rilasciare anticorpi, proteggerci da virus e cellule tumorali e monitorare il funzionamento del sistema immunitario. Ultimo elemento dell’insieme sono i monociti che hanno la funzione di ripulire l’organismo, come fossero spazzini, ingoiando e distruggendo sostanze e microorganismi pericolosi.

Cause principali dei globuli bianchi alti in gravidanza

La conta dei globuli bianchi nel sangue in gravidanza (WBC) viene riportato nei referti di emocromo e formula leucocitaria quando si fanno le analisi di laboratorio.

Avere i globuli bianchi alti in gravidanza è del tutto fisiologico. Durante la gestazione, infatti, l’organismo femminile deve lavorare maggiormente. Bisogna proteggere mamma e bimbo dagli attacchi degli agenti patogeni. Il loro numero aumenta progressivamente durante i 9 mesi e raggiunge il numero massimo proprio durante la fase del travaglio.

Tuttavia, il loro aumento nel sangue, così come l’abbassamento, può dipendere anche da infezioni batteriche, da allergie o dallo stress.

Nel caso il fenomeno sia dovuto a infezioni si riconosce da altri sintomi che insorgono. Da tenere presente è che nella maggior parte dei casi queste infezioni colpiscono il tratto urinario.

Sull’aumento del numero dei globuli bianchi influisce anche l’assunzione di alcuni farmaci, in particolare dei cortisoni.

I globuli bianchi alti in gravidanza si rilevano con le analisi
Saranno le analisi del sangue a stabilire se ci sono globuli bianchi alti in gravidanza

Sintomi ricorrenti

Tra i sintomi che indicano i globuli bianchi alti sono frequenti la febbre alta e brividi, la nausea e il vomito, la presenza dei leucociti nelle urine e la tachicardia. Segnali dell’aumento di queste cellule sono anche il rossore, dolore specifico e la conseguenza di una reazione allergica.

Si può avvertire dolore durante la minzione, notare sangue o sentire odore sgradevole nelle urine.

Valori normali e in gravidanza

In condizioni normali, i globuli bianchi di una donna non incinta ha dai 5000 ai 10000 globuli bianchi per millimetro cubo. La conta dei globuli bianchi alti in gravidanza, invece, aumenta con l’avanzamento della gravidanza. Si passa dai 6000 ai 16000 nel terzo trimestre fino a raggiunge in media i 20.000-30.000 in fase di travaglio o quando c’è un parto precoce.

Il controllo della conta dei globuli bianchi in gravidanza viene eseguito solitamente ogni 3 mesi.

Il medico può identificare le cause
Sarà il medico a stabile le cause

Globuli bianchi alti in gravidanza: cosa comportarsi e quando preoccuparsi

Quando i test di laboratorio evidenziano globuli bianchi alti in gravidanza non bisogna subito allarmarsi. La condizione, come abbiamo visto, è del tutto fisiologica. Il corpo e l’organismo della donna subiscono dei cambiamenti.

Nonostante ciò, è sempre consigliabile comunicare i dati al proprio medico, perché può dipendere anche da altre cause. Solo lui, infatti, è in grado di effettuare una diagnosi e riconoscere la causa che ha determinato questo aumento.

A quel punto, se necessario, il medico potrà prescrivere una cura o richiedere altri esami per approfondire.

Consigli utili

È importante anche bere frequentemente per mantenersi idratate e curare al massimo l’igiene intima.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!