Camouflage: cos’è, come farlo e quando è consigliato

Il camouflage è una tecnica di trucco, che mira a coprire le imperfezioni più evidenti e profonde, quelle che spesso causano disagio psicologico in una donna. Come si fa esattamente, quali prodotti utilizzare e quando viene consigliato

Camouflage: cos’è, come farlo e quando è consigliato

Quando sono presenti inestetismi importanti che creano disagio, le donne possono ricorrere alla tecnica del trucco camouflage. Il termina deriva, non a caso, dalla parola camuffare e dal francese maquillage.

Spesso couperose, angiomi, discromie cutanee, acne, cicatrici, vitiligine, occhiaie nerissime e altri difetti possono creare insicurezze e compromettere l’aspetto di una donna, questo di conseguenza può avere degli effetti anche psicologici. Ma, per fortuna, le moderne tecniche di make up hanno fatto enormi passi avanti per questo, e le donne possono stare tranquille: anche i difetti più evidenti possono essere coperti con il camouflage.

Essenziale per una buona riuscita è scegliere i prodotti di alta qualità, adatti alla propria pelle e dai toni/colori che possano permettere l’effetto desiderato coprente. Anche una buona crema come base può essere particolarmente utile per fare in modo che ogni insicurezza svanisca.

Vediamo esattamente cos’è il camouflage, come si fa e quando è consigliato.

Quando l'inestetismo diventa un problema per la donna, questa tecnica di make up può davvero aiutare molto.
Quando l’inestetismo diventa un problema per la donna, questa tecnica di make up può davvero aiutare molto.

Camouflage: significato e cos’è

Il camouflage è una tecnica di trucco che mira a nascondere le imperfezioni più profonde della pelle. Gli obiettivi sono essenzialmente tre: mascherare gli inestetismi, creare un trucco duraturo, lasciare un effetto naturale nonostante la copertura profonda.

Per fare tutto ciò è necessario munirsi di prodotti validi e di piccoli strumenti adatti alle proprie esigenze. Chiaramente vanno usati cosmetici in grado di coprire profondamente e che durino per almeno 12/24 ore, quindi quelli resistenti all’acqua e che abbiano anche un fattore protettivo per salvaguardare la pelle anche sensibile. Meglio ancora se si utilizzano prodotti ipoallergenici e non comedogeni, senza profumi e delicati seppure “forti” per la copertura efficace che devono garantire.

Camouflage viso: come si fa?

Per fare un ottimo camouflage, bisogna innanzitutto munirsi di spugnetta, pennelli e, se è il caso, utilizzarli entrambi, aiutandosi con le dita. Per eseguire questa tecnica di trucco super coprente, sono necessari: crema colorata apposita, primer, fondotinta, cipria in polvere, correttore (neutralizzatore) del colore opposto all’inestetismo che si vuole coprire.

I colori che devono coprire le imperfezioni devono essere quindi ‘abbinati’ alle discromie da nascondere:

  • discromia sul rosso: solitamente si tratta di couperose e si utilizza il correttore verde/grigio
  • discromia sul blu/nero: tipica delle occhiaie, si usa un coprente arancione
  • discromia sul marrone: classica nelle macchie solari, il correttore deve essere sull’arancio pallido
  • discromia sul viola: colore tipico degli ematomi, il correttore si sceglie sul giallo 
  • cicatrice chiara: si utilizza un correttore marrone
Per il buon esito dell'operazione, è fondamentale scegliere prodotti di qualità
Per il buon esito dell’operazione, è fondamentale scegliere prodotti di qualità

Si stende prima di tutto una crema idratante su tutto il viso, per prepararla al trucco. Poi si passa al primer per una buona durata del make up e per renderlo uniforme (migliorando l’effetto naturale). Dopo questi due passaggi, si va a lavorare sulle imperfezioni: con le creme apposite per camouflage e correttori si coprono gli inestetismi con spugnetta aiutandosi in certi punti con le dita. Una volta che le imperfezioni sono ben coperte, si termina stendendo il fondotinta e la cipria in polvere per fissare meglio il tutto.

Sull’acquisto dei prodotti giusti è consigliabile chiedere sempre parere agli esperti e utilizzare prodotti particolarmente delicati con Spf  (fattore di protezione solare), in particolare se si va a coprire un’imperfezione con lesione recente (per esempio brufoli sul mento evidenti).  Un prodotto troppo aggressivo potrebbe infatti peggiorare la ferita.

Per eliminare il trucco si può infine utilizzare uno struccante delicato.

Quando è consigliato

Il camouflage è consigliato tutte le volte in cui un inestetismo diventa un problema per la donna, al punto da comprometterne la sua vita sociale. Quando il disagio è forte si può ricorrere a questa valida tecnica e superare le proprie imperfezioni. Tale tecnica viene anche usata per nascondere tatuaggi non più graditi.

La pelle del viso può essere soggetta a cambiamenti per esempio durante la gravidanza o semplicemente per l’avanzare dell’età, o ancora per l’effetto dannoso dei raggi ultravioletti. Altre volte un volto imperfetto può essere causato da cicatrici derivanti da incidenti o interventi chirurgici. Ecco che il trucco in questi casi non è più un alleato per abbellirci, ma un vero strumento per riparare le imperfezioni più profonde.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!