Vaiolo delle scimmie, il drammatico annuncio di Ilaria Capua è arrivato in questi istanti

La direttrice del One Health Center della Florida mette in guardia dalla nuova malattia che sta circolando in questi mesi, bisogna prestare la massima attenzione.

Pubblicato il 13 luglio 2022, alle ore 11:26

Vaiolo delle scimmie, il drammatico annuncio di Ilaria Capua è arrivato in questi istanti

Ascolta questo articolo

In questi ultimi due anni abbiamo dovuto proteggere la nostra salute con dispositivi di protezione individuale, come mascherine e gel disinfettanti, questo per poterci difendere dall’infezione di Covid-19, causata appunto dal coronavirus Sars-CoV-2. Si tratta del primo coronavirus ad essere stato in grado di provocare una pandemia. Del Covid stiamo imparando a riconoscere i sintomi e anche a trovare delle cure: i recenti vaccini messi in commercio hanno attutito il numero di morti e decessi a causa di questa malattia.

In queste settimane sta preoccupando la comparsa in Europa e nell’Occidente in generale del cosiddetto vaiolo delle scimmie, malattia causata dal Monkeypox virus. Si tratta di una malattia che può sembrare anche simile ad una influenza ed è caratterizzata dalla comparsa di pustole e croste su varie parti del corpo. In queste ore è arrivato un importante monito da parte di Ilaria Capua, virologa italiana e direttrice del One Health Center dell’Università della Florida. 

Il monito dell’esperta

Secondo quanto riportato dalla stampa, Ilaria Capua è intervenuta durante la trasmissione “In Onda” su La7, dove ha parlato di questa nuova malattia che forse adesso sta preoccupando di più del Covid-19. La Capua ha informato che la trasmissione del vaiolo delle scimmie sta aumentando in modo esponenziale in tutto il mondo.

“Settemila casi notificati quindi ce ne sono di più” – così ha informato l’esperta, che mette in guardia la popolazione da questa malattia che sta circolando in questi mesi, e che in Africa è endemica. La Capua ha anche informato che il rischio che si sta correndo è troppo grande e che il patogeno deve essere fermato. 

“Ci sono persone che hanno il vaiolo delle scimmie e magari non vogliono che si sappia e così non denunciano le lesioni e la situazione clinica che stanno passando. Questo vuol dire che iniziano a gestire male le lesioni, gettando nell’immondizia garze e cerotti usati per medicare le ferite. Il rischio è che questi rifiuti vengano a contatto con i roditori” – queste le parole della Capua, e proprio in questa maniera il virus potrebbe fare lo spillover, ovvero il salto di specie. Vista la situazione, quindi, secondo Ilaria Capua è ora di pensare ad un vaccino contro il Monkeypox virus.

I nostri video tutorial
Fede Sanapo

Cosa ne pensa l'autore

Fede Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come non bisogna assolutamente sottovalutare nessuna malattia, neanche il vaiolo delle scimmie che sta preoccupando il mondo intero. Per Ilaria Capua la situazione è seria e bisognerebbe pensare ad una campagna di vaccinazione contro questo patogeno prima che possa fare il salto di specie, e capitare quindi come nel caso del Sars-CoV-2.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!