Speranza, l’annuncio in diretta Tv gela gli italiani: "Pessime notizie per Pasqua"

A due anni dall'inizio dello stato di emergenza per l'incubo Covid, gli italiani si aspettano di poter ritornare presto alla normalità. Ma ecco arrivare in diretta Tv un annuncio preoccupante: di cosa si tratta.

Speranza, l’annuncio in diretta Tv gela gli italiani: "Pessime notizie per Pasqua"

Ascolta questo articolo

Finalmente gli italiani possono tirare un sospiro di sollievo, lo stato d’emergenza che da due anni viene prorogato ogni sei mesi, si è concluso. Da oggi 1 aprile 2022, infatti, si toglieranno gradualmente tutte le restrizioni legate al Covid e gli italiani, si spera, potranno tornare a vivere pienamente le loro vite. Tuttavia, non si può ancora cantare vittoria, c’è un ostacolo ancora da superare.

Il noto “Decreto riaperture“, che dovrebbe segnare sostanzialmente l’inizio di un ritorno alla normalità, è stato un po’ ridimensionato rispetto alle sue prescrizioni iniziali. Era prevista, infatti, la cessazione dell’obbligo di isolamento di sette o dieci giorni per i contagiati che, in qualsiasi momento, si fossero sottoposti ad un tampone risultato negativo. Purtroppo, però, il ministro Speranza è intervenuto con un annuncio che ha gelato tutti in vista delle festività pasquali.

Cosa ha detto 

Come noto, uno dei politici più rigidi per quanto concerne le misure restrittive, il ministro Speranza ha riportato tutti con i piedi per terra. Si è rifiutato, infatti, di apportare questa novità riguardo alla possibilità di interruzione dell’isolamento con tampone negativo, ritenendo più opportuno confermare la validità della circolare del 4 febbraio 2022. Purtroppo, quindi, molti italiani rischiano di passare la Pasqua, ancora una volta, in quarantena e isolati da tutti.

Ciò su cui preme il governo, è che le riaperture debbano essere sostanzialmente graduali, per evitare poi una nuova ondata di contagi. Infatti, da questo mese, l’uso del green pass sarà sempre più limitato, ma non spazzato via da un giorno all’altro. Per il momento, sarà sufficiente il green pass base, non più quello rafforzato, per andare a lavoro, accedere alle attività all’aperto, entrare in bar e ristoranti, usare mezzi pubblici locali e nazionali. Dal 1 maggio, poi, sarà definitivamente superato.

Per quanto riguarda le regole della quarantena, dal mese di aprile cesserà l’isolamento in caso di contatto con un positivo, e si dovrà procedere solo con l’autosorveglianza, chiaramente se asintomatici. In caso di sintomi si dovrà effettuare un tampone dopo 5 giorni dall’ultimo contatto con il soggetto positivo e, in caso di tampone positivo, varranno le regole vecchie: cioè quarantena di 7 giorni se vaccinati o 10 se non vaccinati e poi tampone negativo per uscire dall’isolamento.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Con la fine dello stato d'emergenza, si spera, gli italiano potranno ritornare sempre più alla normalità. Due anni di restrizioni sono molti, l'economia è ridotta malissimo e la voglia di libertà assoluta degli italiani è sempre più grandi. L'auspicio è che questa storia finisca al più presto in modo che si torni alla vita pre Covid.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!