Sorelle Giulia e Alessia Pisanu: è successo durante i funerali (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Oggi, venerdì 5 agosto, è stato il giorno dell’addio terreno alle sorelle Giulia e Alessia Pisanu, 17 e 15 anni, travolte e uccise, domenica 31 luglio, alle 6:40, da un Frecciarossa proveniente da Pescara e diretto per Milano, che viaggiava sui 200 chilometri orari. A nulla sono servite le urla dei testimoni, il fischio del macchinista, i freni tirati al massimo per evitare l’inevitabile.

Sul binario 1 della stazione di Riccione, sono bastati 12 secondi, a mettere la parola fine alle loro giovani vite. La riserva è stata sciolta dopo il nulla osta conferito dall’autorità giudiziaria, che sta indagando sull’impatto fatale, così, dalle 8 di stamattina, è stata aperta la camera ardente, con una processione silenziosa e triste che ha iniziato ad avvicendarsi per portare un ricordo, un saluto alle due giovani sorelle decedute.

Un intero paese, quello di Madonna di Castenaso, completamente sotto choc, stretto in una sorta di abbraccio collettivo, attorno ad una famiglia distrutta, devastata dalla perdita di queste splendide ragazze, che ancora non si capacita di come sia potuta accadere una disgrazia simile. E’ un giornata di lutto cittadino a Castenaso, avvolto dal silenzio, con le saracinesche dei negozi abbassate, gli eventi cancellati per rispetto e solidarietà verso la famiglia Pisanu.

Da stamattina all’alba una gigantesca corona di fiori è stata collocata davanti alla chiesa in cui si sono tenute le esequie pubbliche, perché le due ragazze erano molto benvolute e amate, mentre la cerimonia, per volere dei genitori delle vittime, è stata semplice, sobria. In fin dei conti, la loro villetta a due piani è rimasta sempre col cancello aperto, per dare a tutti la possibilità di esprimere il loro cordoglio.

Durante la cerimonia, iniziata alle 10:30 nella Chiesa della Madonna del Buon Consiglio, dove il parroco Don Giancarlo ha avuto Alessia e Giulia al catechismo, per volere dei familiari, non sono state consentite riprese audio-video, né foto.