Panico nei cieli italiani, intervengono gli Eurofighter della Nato

Attimi di grande paura nei cieli italiani, persi improvvisamente i contatti durante un volo sulla tratta Milano-Palermo. Necessario l'intervento della Nato: ecco cosa è successo.

Pubblicato il 8 settembre 2022, alle ore 11:08

Panico nei cieli italiani, intervengono gli Eurofighter della Nato

Ascolta questo articolo

E’ successo nel pomeriggio di ieri, 7 settembre, quando improvvisamente un Airbus 319 ha fatto perdere i contatti radio con gli enti nazionali del traffico aereo. A riferire l’accaduto la stessa Aeronautica militare, protamente intervenuta tramite dei caccia militare a rintracciare l’aereo e a sventare eventuali pericoli.

Nei cieli italiani l’aeronautica militare deve sempre garantire il costante controllo dello spazio aereo, e quando si verificano episodi simili, decisamente allarmanti, si mettono subito in moto una serie di protocolli atti a sventare il peggio. Per fortuna, questa volta l’intervento delle autorità preposte è stato eccellente: ecco cosa è accaduto nel dettaglio.

L’accaduto

Il volo incriminato percorreva la tratta Milano Malpensa- Palermo, quando all’improvviso ha fatto perdere tutti i contatti radio, suscitando notevole apprensione nei controllori del traffico aereo civile. Immediatamente, si è reso necessario l’intervento dell’Aeronautica militare con il decollo di due cacciaia intercettori Eurofighter dalla base aerea di Trapani Birgi, sede del 37° Stormo caccia. 

A far partire l’ordine di decollo è stato in realtà l’ente Nato responsabile dell’aerea, con base a Torrejon in Spagna, e in coordinamento con il comando operazioni aerospaziali di Poggio Renatico. L’Airbus è riuscito a ripristinare il collegamento già nella fase di avvicinamento alla destinazione, ma è stato comunque scortato dai caccia per un ulteriore tratto di volo a completamento della procedura di ‘visual identification’.

La procedura di individuazione dell’aereo si è svolta per il meglio; ad assicurare la corretta sorveglianza dello spazio aereo nazionale è, in questi casi di pericolo, il sistema di Difesa Aerea nei confronti della minaccia militare, che è gestito dalla Nato tramite il Caoc, Combined Air Operation Centre, con sede a Torrejon. Questo ente Nato assicura la sorveglianza dello spazio aereo nelle sue zone di competenza, vale a dire a sud delle Alpi, dalle isole Canarie alla Turchia e dalle isole Azzorre alla Romania.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Sono stati attimi di grande paura nei cieli italiani ieri pomeriggio. Un aereo ha fatto perdere il contatto radio, motivo per il quale è stato necessario far partire dei caccia militari per rintracciarlo e scortarlo quasi fino a destinazione. Alla fine è andato tutto per il meglio, non ci sono stati disagi di alcun tipo.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!