Nuovi sintomi di Omicron 5. L’allarme è arrivato in questi istanti: ecco come riconoscerli e cosa fare

Continua a spopolare la variante Omicron 5, gli scienziati hanno individuato i nuovi sintomi. A fare il punto della situazione il professor Pregliasco: ecco cosa ha rivelato.

Pubblicato il 26 luglio 2022, alle ore 19:33

Nuovi sintomi di Omicron 5. L’allarme è arrivato in questi istanti: ecco come riconoscerli e cosa fare

Ascolta questo articolo

Il quadro epidemiologico in Italia non è ancora molto rassicurante, dall’ultimo bollettino rilasciato dal Ministero della Salute si registrano ancora oltre 100 mila contagi. La nuova variante del virus viaggia a velocità doppia, in quanto è evidente come sia più contagiosa, ma allo stesso tempo nella maggior parte dei casi del tutto innocua.

Ad infettarsi sono anche i vaccinati, poiche la variante Omicron 5 riesce ormai ad eludere la protezione offerta dal vaccino. Per questo motivo i virologi predicano ancora molta prudenza e spingono verso le nuove dosi di vaccino, in autunno molto probabilmente la quarta dose sarà allargata a tutti. Intanto Fabrizio Pregliasco mette in guardia sui nuovi sintomi della malattia: ecco di quali si tratta.

I nuovi sintomi

Gli esperti prevedono che la nuova ondata di Covid verosimilmente continuerà a far salire i contagi sino alla fine di luglio, per poi frenare ad inizio agosto. Secondo il professore Fabrizio Preliasco il quadro della situazione è piuttosto chiaro: “Siamo in una fase di transizione con un grande aumento dei contagi dovuto alla presenza di Omicron 5, variante molto contagiosa in grado di eludere la protezione conferita dai vaccini e da una precedente infezione. Tutto ciò fa sì che ci sia un enorme incremento dei casi, ma che in proporzione quelli gravi siano relativamente pochi”.

Il noto virologo si è poi espresso in merito ai sintomi di questa nuova variante, che solitamente si manifesta con febbre alta e la solita perdita di gusto e olfatto; nei casi più gravi può raggiungere i polmoni e provocare polmoniti. Pregliasco mette poi in guardia rispetto a chi ha sintomi più blandi: “Molti invece hanno sintomi molto più lievi come tosse, raffreddore, leggero mal di gola. E questa è una buona notizia, ma è anche una “fregatura”: chi ha questi sintomi spesso non fa neppure il tampone, esce e infetta altre persone.”

Nonostate la grande maggioranza dei nuovi casi siano vaccinati, per Pregliasco la strada giusta è ancora quella della vaccinazione in quanto, a suo dire, i non vaccinati rischierebbero ancora molto dal Covid: “… Le probabilità di incorrere in una malattia grave, con ricovero in terapia intensiva e la morte, sono ancora importanti per i soggetti fragili non vaccinati”. In merito alla variante BA 2.75, se diventerà prevalente, per il virologo c’è il rischio di una nuova, ennesima, ondata in autunno.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Fabrizio Pregliasco ha deciso di fare il punto della situazione in merito al quadro epidemiologico in Italia. Nonostante il palese fallimento della campagna vaccinale, il noto virologo televisivo non si arrende e ritiene che i vaccini stiano salvando la vita a tutti, ignorando quanti, purtroppo, sono stati colpiti da eventi avversi irreversibili.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!