Morte Vialli, l’accusa choc di Dino Baggio: "Ora ho paura…"

L'ex calciatore Dino Baggio ha ricordato l'amico scomparso con parole molto toccanti. Ma a colpire sono soprattutto alcune considerazioni che gettano nuove ombre sul calcio: ecco cosa ha confessato.

Pubblicato il 17 gennaio 2023, alle ore 14:36

Morte Vialli, l’accusa choc di Dino Baggio: "Ora ho paura…"

Ascolta questo articolo

Seppur meno talentuoso dell’omonimo ex compagno di squadra Roberto, Dino Baggio è stato un grande calciatore degli anni 90′, che vanta nel suo bagaglio personale ben 60 presenze nella nazionale italiana. L’arcigno centrocampista veneto ha ricordato di recente l’amico Gianluca Vialli, spentosi poche settimane fa all’età di 58 anni per un brutto tumore al pancreas.

In un’intervista molto a cuore aperto, Dino Baggio non ha nascosto una certa preoccupazione circa una cattiva abitudine di quegli anni in cui, insieme all’amico Vialli, calcavano i campi di gioco. Per la prima volta un ex calciatore ha sollevato una questione spinosa che evidentemente meriterebbe un certo approfondimento: ecco di cosa si tratta.

L’allarme di Baggio 

La scomparsa a distanza di poco tempo di due leggende del nostro calcio, quali appunto Mihajlovic e Vialli, hanno scosso profondamente il mondo del calcio. Per l’amico Gianluca, le parole di Dino Baggio sono particolarmente toccanti: “Ho un ricordo meraviglioso di Gianluca, era un uomo spogliatoio e aveva voglia di far crescere i giovani. Ero in squadra con lui quando avevo 21 anni e spendeva sempre una parola buona nei nostri riguardi”.

A scuotere il mondo del calcio sono soprattutto i dubbi che l’ex calciatore ha espresso in merito ad una questione particolarmente spinosa: “È andato via troppo presto dalle nostre vite. Bisognerebbe investigare sulle sostanze che abbiamo preso in quel periodo”. Le allusioni di Dino Baggio si rivolgono in particolare a quell’abuso di integratori e farmaci che, non si esclude, con il tempo potrebbero portare a delle ripercussioni

“Ho paura anch’io, sta succedendo a troppi calciatori“- con queste parole l’ex centrocampista rompe il silenzio su un timore che, oltre a riguardarlo personalmente, è comune siuramente a molti protagonisti di quel calcio. Per il momento, puntualizza Baggio, il suo rimane solo un sospetto: “Non so se sia dovuto a questo, ma c’è sempre stato il doping. Non si sono mai prese robe strane, perché c’è una percentuale che devi tenere. Però con il tempo bisogna vedere se certi integratori fanno bene oppure no, se le sostanze riesci a buttarle fuori o restano dentro”. Le insinuazioni di Dino Baggio stanno già avendo una notevole eco nell’opinione pubblica, staremo a vedere se apriranno una questione anche a livello istituzionale.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - A mio avviso le parole di Dino Baggio dovrebbero essere presa in seria considerazione. Non è così inverosimile che un abuso di farmaci possa produrre poi delle conseguenze a lungo termine. Ma per questo occorre un'indagine seria, priva di pregiudizi. Intanto non si può che rivolgere un pensiero commosso per la prematura dipartita di Gianluca Vialli.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!