Mondo dello spettacolo sotto choc: la vip trovata morta in una valigia

Un macabro ritrovamento è avvenuto il 17 marzo in Russia. Si tratta del corpo senza vita, contenuto in una valigia, di una vip. Il mondo dello spettacolo è letteralmente sotto choc.

Mondo dello spettacolo sotto choc: la vip trovata morta in una valigia

Ascolta questo articolo

Una vicenda agghiacciante, che ha sconvolto il mondo intero. Un macabro ritrovamento la cui notizia ha fatto rapidamente il giro del web, come uno dei casi di cronaca nera più efferati.

Il 15 marzo, il corpo senza vita di una vip, scomparsa 1 anno fa, è stato ritrovato all’interno di una valigia. Un tragico ritrovamento cui si è arrivati dopo la presentazione di una denuncia e una serie di meticolose ricerche.

L’accaduto

Il cadavere ritrovato nella valigia è quello della bellissima modella russa Gretta Vedler. Il suo è un caso di femminicidio, l’ennesimo che va ad aggiungersi ad una lunga lista di donne uccise proprio per mano di chi diceva di amarle. Si, perchè Gretta è stata strangolata a morte dal suo ex fidanzato, reo-confesso, Dmitry Korovin, che ha ammesso di averla uccisa dopo una lite a Mosca per questioni economiche.

Il Comitato Investigativo russo ha pubblicato il video della confessione di Korovin, che mostra anche come è avvenuto l’omicidio. IL ragazzo ha ammesso di aver trasportato il suo corpo per 400 chilometri per poi scaricarlo nel bagagliaio di un’auto a Lipetsk (Russia). Ma dato che alla follia non c’è mai un limite, l’assassino ha dichiarato di aver dormito in una stanza d’albergo per 3 notti con il cadavere dell’ex fidanzata infilato nella valigia.

E non è tutto. Per dare l’impressione che fosse ancora viva, ha continuato ad aggiornare, con post, immagini e messaggi i social media della modella. Un mese prima della sua morte, Gretta aveva bollato il presidente russo come “psicopatico” sui social media e, nel post, aveva anche scritto che la sua spinta a migliorare l’integrità della Russia sarebbe finita in lacrime.

Dalle indagini investigative, però, non è emersa alcuna correlazione tra il decesso della modella e le sue opinioni politiche. È stato un amico della Vedler, che vive in Ucraina, il blogger Evgeniy Foster, preoccupato per la modella, a contattare un altro amico di Mosca, consigliandosi di sporgere denuncia di scomparsa. In questo modo si è attivata la macchina delle ricerche che, il 15 marzo, ha portato al macabro ritrovamento.

I nostri video tutorial
Caterina Lenti

Cosa ne pensa l'autore

Caterina Lenti - Una storia davvero terribile, quella del macabro ritrovamento del corpo della modella russa in una valigia ad un anno dalla sua scomparsa. Non ci sono davvero parole per descrivere l'accaduto. L'ennesimo caso di femminicidio per mano di chi diceva di amarla... l'ennesima donna che va ad aggiungersi alla lunghissima lista di donne uccise.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!