Maxi evacuazione in Italia: migliaia di persone lasciano le proprie case

Purtroppo in queste ore migliaia di persone dovranno lasciare le proprie case per una situazione imprevista, vediamo che cosa sta succedendo e dove. La gente è in apprensione.

Pubblicato il 4 agosto 2022, alle ore 10:25

Maxi evacuazione in Italia: migliaia di persone lasciano le proprie case

Ascolta questo articolo

In questo periodo il nostro Paese è pieno di notizie che stanno destando l’attenzione della pubblica opinione. Si tratta spesso di fatti di cronaca che riguardano incidenti stradali o omicidi, si pensi ad esempio a quanto accaduto a Pescara qualche giorno addietro, dove un uomo è stato ucciso dinanzi al bar di un parco e un altro è rimasto gravemente ferito a causa di questa improvvisa sparatoria. Ma ci sono altri fatti che stanno destando preoccupazione.

Oltre alla crisi economica causata dalla situazione in Ucraina, in Italia si stanno verificando altri episodi molto particolari. Uno di questi sta riguardando in queste ore una comunità intera: la notizia è stata diffusa dai principali giornali nazionali e ha destato non poca curiosità, quanto anche una certa apprensione. Vediamo che cosa sta succedendo e quale è la comunità coinvolta.

Evacuazione di una intera zona

In questi anni episodi come quello che sta accadendo in queste ore in provincia di Mantova hanno destato preoccupazione in diverse città. Infatti alcuni giorni fa nel fiume Po è stata rinvenuta una bomba della Seconda Guerra Mondiale inesplosa: il ritrovamento è avvenuto tra le località Borgoforte e Motteggiana.

Sin dal momento del ritrovamento sono cominciate le operazioni di messa in sicurezza dell’area, e proprio in queste ore l’ordigno sarà estratto e fatto brillare. Proprio per questo si rende necessaria l’evacuazione dell’intera area per circa 6 ore, tempo necessrio alle operazioni di brillamento e messa in sicurezza dell’area.

L’operazione vedrà impegnate in totale circa 400 persone tra Pompieri, Protezione Civile e forze dell’ordine. Ad essere evacuati saranno in totale 1500 soggetti, tutti residenti nei due paesini lombardi, mentre gli ospiti delle Rsa locali resteranno in sicurezza nelle strutture e i positivi al Covid saranno accolti in aree apposite. Al termine delle operazioni la gente potrà fare ritorno tranquillamente nelle proprie abitazioni.

I nostri video tutorial
Fede Sanapo

Cosa ne pensa l'autore

Fede Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come eventi improvvisi possano destare apprensione tra la popolazione, così come può essere il ritrovamento di una bomba del secondo conflitto mondiale. L'ordigno sarà fatto brillare in totale sicurezza e poi gli abitanti potranno tornare nelle loro abitazioni una volta fatta esplodere la bomba. Si tratta di operazioni che creano disagio sicuramente ma che servono a mettere in sicurezza intere aree cittadine e non.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!