Matteo Bassetti, l’annuncio in diretta: "Ecco i sintomi per riconoscere il vaiolo delle scimmie"

Il professor Matteo Bassetti ha fatto il punto dei casi di vaiolo delle scimmie in Italia, illustrando i sintomi per poterlo riconoscere, in modo da rivolgersi tempestivamente al medico.

Pubblicato il 24 maggio 2022, alle ore 17:35

Matteo Bassetti, l’annuncio in diretta: "Ecco i sintomi per riconoscere il vaiolo delle scimmie"

Ascolta questo articolo

Matteo Bassetti, direttore Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, all’Adnkronos ha sottolineato che l’innalzamento del livello dell’emergenza per i casi di vaiolo delle scimmie deciso dall’Oms “è corretto per una sensibilizzazione di tutto il mondo sanitario e medico nel mondo”. 

Il famoso infettivologo che, negli anni della pandemia è sempre stato in prima fila, ha fatto il punto della situazione in Italia, facendoci comprendere come riconoscere un caso sospetto.

La situazione in Italia 

Intanto oggi è stato confermato il quarto caso nel nostro Paese, che va ad aggiungersi ai primi 3 casi accertati, ricoverati allo Spallanzani di Roma. Si tratta di un ragazzo di Arezzo che ha scoperto di aver contratto il virus dopo un viaggio alle Canarie. I casi complessivi nel mondo in 12 paesi (Australia, Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito e Usa) per ora sono 92.

Ma cos’è il vaiolo delle scimmie? Parliamo una malattia infettiva già conosciuta e diffusa in Africa e piuttosto rara negli uomini causata dall’infezione da monkeypox virus “cugino” del vaiolo umano, ma molto diverso per diffusività e gravità.Nonostante la malattia riguardi prevalentemente gli animali, il monkeypox è arrivato all’uomo: il primo caso è stato registrato nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo.

Adesso, però, si è avuto l’ultimo salto uomo-uomo, caratterizzato da trasmissioni interumane, con 2 focolai sinora segnalati: la sauna a Madrid e il Gay Pride a Gran Canaria. Ma quali sono i campanelli d’allarme cui prestare attenzione? Il sintomo principale sono le lesioni cutanee in qualunque parte del corpo, con una distribuzione centripeta dal volto, agli arti, oltre che vicino ai genitali e pustole somiglianti a quelle della sifilide. A questi, si aggiungono sintomi aspecifici: febbre, mal di testa, stanchezza, linfonodi ingrossati vicino alla sede delle lesioni.

Ma come si trasmette? Per contatto con le lesioni, quindi anche tramite contatto sessuale, oppure con la saliva. Per il momento, purtroppo, non esiste una terapia specifica ma si utilizzano farmaci sintomatici non specifici per il vaiolo delle scimmie. La malattia tendenzialmente regredisce spontaneamente in 2/4 settimane con adeguato riposo e senza terapie specifiche.È opportuno rivolgersi al proprio medico curante in caso di comparsa di vescicole o altre manifestazioni cutanee che può valutare la somministrazione di antivirali quando necessario. 

Per il momento non c’è un’emergenza ma i numeri sono destinati a crescere, seppur il virus sia meno trasformabile del Covid, quindi con minor rischio varianti. in caso di malattia, il paziente infetto va isolato e il caregiver dovrà avere cura di lavare bene e frequentemente le mani e usare dispositivi di protezione individuali.I tempi di incubazione sono più lunghi di quelli del Covid, arrivando a 2 settimane. Per questo motivo si ritiene che nei prossimi 15 giorni, i casi si triplicheranno.

I nostri video tutorial
Caterina Lenti

Cosa ne pensa l'autore

Caterina Lenti - Il vaiolo delle scimmie non desta forte preoccupazione ma sicuramente questo virus va a seminare panico nelle persone più ansiose e in un periodo delicato sotto tutti i punti di vista. Speriamo che la situazione resti monitorata e sotto controllo attraverso i rispetto di regole basilari di prevenzione della malattia infettiva.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!