Matteo Bassetti lancia l’allarme sul vaiolo delle scimmie. Ecco quali sono i sintomi della malattia

Un nuovo virus spaventa l'Europa, si sono registrati i primi casi di vaiolo delle scimmie. Bisogna fare attenzione a questi sintomi: ecco cosa ha detto Bassetti.

Pubblicato il 20 maggio 2022, alle ore 10:45

Matteo Bassetti lancia l’allarme sul vaiolo delle scimmie. Ecco quali sono i sintomi della malattia

Ascolta questo articolo

Continuano ad aumentare i casi di vaiolo delle scimmie segnalati in Europa e negli Stati Uniti. Ancora una volta, un virus torna a terrorizzare il mondo, anche se si tratta di una malattia virale già nota dagli anni 70‘. Mentre è ancora alta la tensione per il Covid, si inizia a scorgere all’orizzonte un nuovo incubo pandemia.

Nella giornata di ieri il Portogallo ha identificato 5 casi, mentra la Spagna ha effettuato i test su 23 potenziali contagi. Anche oltreoceano la situazione non è migliore, lo stato del Massachussets ha segnalato l’infezione in un uomo tornato dal Canada. Vista la grande preoccupazione anche in Italia, Matteo Bassetti ha deciso di intervenire a fare il punto della situazione circa questa rara malattia: ecco cosa ha detto.

A cosa fare attenzione

Il noto infettivologo del San Martino di Genova si è espresso sul tema tramite un lungo post su Facebook: “Finita l’emergenza del Covid, ecco un’altra infezione che mai si era vista trasmessa da uomo a uomo nel nostro continente. Si tratta del vaiolo delle scimmie. Sono già stati segnalati decine di casi in Europa: 14 in Portogallo, 9 in UK e 7 in Spagna”. Al momento pare che la malattia si sia diffusa in seguito a rapporti intimi tra uomini, configurando la possibilità che si sia trasmessa nella comunità.

Matteo Bassetti ci ha tenuto comunque a rassenerare gli animi, sostenendo come si tratti di una malattia non particolarmente grave: “Il vaiolo delle scimmie non è grave e viene generalmente curato entro poche settimane. I sintomi con cui si manifesta sono soprattutto febbre, mal di testa e dolori muscolari e alla schiena. È possibile che in alcuni casi si presenti anche un’eruzione cutanea con caratteristiche simili alla varicella o alla sifilide”.

Più che altro quello su cui preme l’infettivologo è di agire rapidamente per spegnere sul nascere il rischio di una nuova epidemia. Il vaiolo delle scimmie è una malattia originaria in località remote dell’Africa, dove raggiunge il 10% di mortalità e non esiste una cura specifica. Per quanto riguarda la sintomatologia, si può manifestare con problematiche simili a quelli del vaiolo con febbre, mal di testa, dolori muscolari e linfadenopatia.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Mentre ancora non è stata archiviata la malattia da Covid, un nuovo virus sembra terrorizzare già tutti. I telegiornali sono tornati già ad alimentare nuovamente il terrore per questa ennesimo rischio di una nuova epidemia mortali. Ritengo invece che sia opportuno non creare allarmismo tra la popolazione per un rischio che è risibile.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!