Laura Ziliani, la confessione in lacrime: "L’ho uccisa io"

Il caso dell'omicidio di Laura Ziliani è giunto ad un punto di svolta, arriva la confessione inattesa dell'assassino. In carcere dallo scorso settembre, ha ceduto nell'ultimo interrogatorio.

Pubblicato il 26 maggio 2022, alle ore 10:18

Laura Ziliani, la confessione in lacrime: "L’ho uccisa io"

Ascolta questo articolo

Dopo un anno esatto dal delitto di Laura Ziliani arriva finalmente la svolta tanto attesa. La vigilessa di Temù era scomparsa lo scorso 8 maggio dopo essere uscita per un’escursione senza mai fare ritorno a casa. Dopo mesi di ricerche nei boschi in cui si pensava che la donna fosse scomparsa, alla fine fu ritrovata a poche centinaia di metri da casa riemersa dal fiume Oglio.

Nel corso delle indagini, a suscitare sempre notevoli sospetti agli inquirenti, le evidenti incongruenze nelle testimonianze delle figlie della vittima e del fidanzato di una di esse. Alla fine nelle ultime ore uno dei sospettati ha ceduto, dopo l’ennesimo interrogatorio è arrivata la confessione: ecco chi è l’assassino.

Arriva la svolta

Mirto Milani, il fidanzato della primogenita di Laura Ziliani, ha confessato l’omicidio dell’ex vigilessa di Temù. In carcere dallo scorso 24 settembre insieme a Paola e Silvia Zani, è stato lo stesso Milani a richiedere l’interrogatorio dopo la chiusura delle indagini della Procura. Insieme a due delle figlie della vittima compone quello che la Procura ha definito come un ‘Trio criminale’.

Nell’ordinanza di custodia cautelare si leggono i motivi che avrebbero spinto il trio criminale al macabro omicidio della Ziliani: “…per mettere le mani sull’importante patrimonio immobiliare della donna”. In sostanza per il Gip il movente è di natura economica, i tre assassini volevano accaparrarsi un’importante eredità. Alla fine tutti i sospetti sono stati confermati, d’altronde erano sin troppo evidenti i depistaggi e le dichiarazioni non veritiere negli attimi successivi alla denuncia della scomparsa.

Gli assassini si erano spinti a far ritrovare alcuni indumenti della donna nei pressi del fiume per depistare le indagini. Dopo la macabra scoperta del cadavere della donna, i 3 indagati sono stati trasferiti in carcere. Secondo il medico legale che ha eseguito l’autopsia, la donna dapprima sarebbe stata stordita con dei tranquillanti e successivamente uccisa per asfissia per mezzo probabilmente di un cuscino.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - L'omicidio di Laura Ziliani rappresenta un caso di cronaca particolarmente agghiacciante. E' assurdo come delle figlie possano pianificare in modo così brutale l'assassinio della madre. Per fortuna i tre assassini sono stati assicurati alla giustizia, la confessione di Milani chiarisce finalmente come sono andate le cose. Spero che passino il resto della loro vita in carcere.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!