L’atroce fine di una coppia: rapinati, picchiati e chiusi nei sacchi a pelo

Una fine atroce quella ha dovuto patire questa coppia di botanici, sequestrati e poi brutalmente rinchiusi nei sacchi a pelo. La loro vicenda ha fatto il giro del mondo: ecco cosa li è successo. .

Pubblicato il 7 ottobre 2022, alle ore 13:29

L’atroce fine di una coppia: rapinati, picchiati e chiusi nei sacchi a pelo

Ascolta questo articolo

Ogni giorno in tutto il mondo accadono vicende incredibili, molto spesso drammatiche. La cronaca nera è capace di arricchirsi di storie sempre più brutali e drammatiche, le cui vittime sono spesso dei poveri innocenti. A far ancora più male il fatto che si tratta in molti casi di crimini rimasti sostanzialmente impuniti.

La storia di questi due coniugi, partiti all’estero per motivi lavorativi, fa raggelare il sangue. Sono stati drammaticamente protagonisti di un epilogo tragico, il crimine commesso nei loro confronti è di una brutalità inaudita. Il loro ritrovamento è avvenuto a distanza di molto tempo: ecco cosa gli è accaduto.

La fine atroce

Questa coppia originaria del Regno Unito è stata unita sino alla fine da un tragico destino comune. Partiti alla volta del Sudafrica per ricercare dei semi rari, Rod Saunders e la moglie Rachel, rispettivamente di 74 e 63 anni, vi hanno trovato invece la morte. Il loro obiettivo era quello di arricchire l’inventario del loro negozio online, la Silverhill Seed, una scelta pagata a caro prezzo.

Dopo aver girato una clip per il programma di botanica di Nick Baily, i due coniugi sono scomparsi ed è arrivata una richiesta di riscatto alla polizia. Purtroppo è stato tutto inutile, in quanto la coppia è stata ritrovata da alcuni pescatori nella riserva forstale di Ngoye, in uno stato ormai irriconoscibile, al punto che per identificarli è stato necessario il test del DNA.

Rod e Rachel sono stati rapinati, picchiati brutalmente e poi rinchiusi nei loro stessi sacchi a pelo e gettati in un fiume pieno di coccodrilli. La vicenda risale in realtà al lontano 2018, ma il processo sudafricano è ancora in corso in questi giorni. Intanto la giustizia ha già fatto in parte il suo corso e alcuni colpevoli sono già stati arrestati: Sayefundeen Aslam Del Vecchio, 39 anni e Bibi Fatima Patel, 28 anni. 

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Si tratta di una vicenda davvero raccapricciante. Spero che la vicenda giudiziaria si concluda in via definitiva al più presto. La brutalità di questo crimine è davvero agghiacciante ed è per me incomprensibile come due persone giovani come quei due arrestati abbiano potuto fare una cosa del genere. Meritano di passare la loro vita dietro le sbarre.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!