L’argilla guarisce combattendo molti disturbi, tra cui l’acidità di stomaco e l’anemia

Verde per disintossicare e purificare la pelle, rosa per proteggere la pelle dagli eritemi, bianca per lo stomaco, rossa contro l'anemia, gialla per alleviare le tensioni e grigia per i fastidi intimi, l'argilla ci guarisce.

L’argilla guarisce combattendo molti disturbi, tra cui l’acidità di stomaco e l’anemia

Da bere o da spalmare, l’argilla è un concentrato di sali mierali che aiuta  a risolvere tanti disturbi. Per qualsiasi eveniente tieni sempre a portata di mano l’argilla, non deve mai mancare nel tuo armadietto di pronto soccorso; sia che tu ti sia schiacciata un dito o che il tuo bambino si sia sbucciato un ginocchio, il rimedio tutto fare sta in questa polvere.

La naturopata, Rosanna Pilìa spiega:Grazie alla ricchezza di minerali, soprattutto di silice, questa terra finissima ha una grande capacità di assorbire tossine e batteri. Inoltre calma il dolore e accellera la guarigione”. L’argilla ha un potere benefico in caso di contusioni, piccole infezioni, varici,eczemi cutanei, punture di insetto, infiammazioni vaginali, delle gengive e delle mucose del cavo orale.

Cicatrizzante, depurativa e rimineralizzante la si può usare sia esternamente sotto forma di impacchi e maschere oppure per via interna, senza alcuna controindicazione, l’unica attenzione è quella di non usare la stessa polvere dopo che ha curato in quanto sarà impregnata di tossine. Scopriamo adesso i suoi numerosissimi impieghi, che dipendono anche dalla sua composizione e dal colore: 

Verde: anticontusione e disintossicante

L’argilla verde è la più comune, la si trova in polvere macinata grossa per gli impacchi e macinata fine per uso orale. Le proprietà sono quelle cicatrizzanti e assorbenti, quindi indacata per una pelle a tendenza acneica usandola come maschera sul viso e sulle parti interessate, oppure come impacco su ascessi e punture di insetti, consiglia l’esperta.

Basta riempire mezza tazza di argilla aggiungendo acqua e mescolare fino ad ottenere un impasto morbido e stenderne uno strato abbastanza spesso, sul viso come maschera oppure per un bagno detox: basta mettere una manciata di argilla nell’acqua calda in vasca e restarvi in ammollo senza aggiunta di detergenti e bagnoschiuma, vedrete la vostra pelle depurata e liscia. 

Rosa: idratante e lenitiva, calma l’eritema solare

Queste miscele di argille ricca di oligoelementi, è perfetta per le pelli sensibili, spiega la naturopata in quanto ha proprietà lenitive. Per sfruttare le sue proprietà idratanti basta mescolarla con acqua e 1 cucchiaio di olio di lino come impacco per capelli secchi, vedrete i vostri capelli risulteranno morbidi e nutriti. Contro l’eritema solare, basta versare 3 cucchiai di argilla rosa in una tazza aggiungete acqua e 3 gocce di acqua floreale di rosa e quindi applicate uno strato sottile sulla zona interessata, appena si seccherà sciacquare con acqua fresca. 

Bianca: contro l’acidità di stomaco

Priva di ferro, l’argilla bianca è indicata per uso interno, in particolar modo per i disturbi di stomaco come il bruciore. La ricetta prevede un cucchiaino di argilla bianca in un bicchiere di vetro, aggiungete dell’acqua naturale e mescolare un un bastoncino di legno e lasciare riposare.Si formerà il latte di argilla da bere al mattino a stomaco vuoto come anti- acido.  

Rossa: Contro l’anemia e le gengiviti

Gli antichi romani la usavano per curare i dolori articolari. Essendo ricca di ferro è utile in caso di anemia. Basta scioglierne un cucchiaino in acqua la sera e bere l’acqua argillosa il mattino. Se soffrite di gengivite potete immergere lo spazzolino nell’argilla rossa e passarlo delicatamente sulle gengive, dopo aver lavato i denti come di abitudine, e infine sciacquate. 

Gialla: toglie lo stress e rilassa i muscoli

Deve il suo colore alla presenza di rame e vemiva usata dagli egizi come rimedio tuttofare; aiuta a combattere i dolori articolari e a rilassare i muscoli. Svolge dunque un azione anti stress. Per l’impacco anti stress bastano 3 cucchiai di argilla in una tazza e coprire con acqua fredda dopodichè mescolate fino a formare un composto cremoso.Spalmatelo dalla nuca lungo tutta la spina dorsale in uno strato spesso 1 centimetro; coprire con un panno e rilassati per 1 ora e sciacquare cpn acqua calda, ripetendo l’operazione 2 volte a settimana. 

Grigia: placa i fastidi intimi femminili

Il suo colore è data dall’alta percentuale in silice, come ci spiega la naturopata, l’argilla bianca ha un forte potere assorbente e note proprietà antiinfiammatorie e la si può usare sia per bocca che a livello locale.

Per l’infiammazione vaginale potete realizare una lavanda intima interna, con 1 cucchiaio di argilla grigia in 1 litro di acqua fredda e irrorare con la cannuccia di una normale lavanda da farmacia.

Mentre contro il bruciore vulvare, basta applicare sulla parte un cataplasma separandolo dalla pelle con una garzina.

 

Continua a leggere su Fidelity Donna