La premier Meloni ha deciso, l’annuncio ufficiale è di pochi minuti fa

Lo spauracchio del Covid torna a farsi sentire in Italia, il governo sta pensando a nuove misure per chi proviene dalla Cina. La premier Meloni rimane ottimista: ecco cosa ha detto.

Pubblicato il 30 dicembre 2022, alle ore 10:01

La premier Meloni ha deciso, l’annuncio ufficiale è di pochi minuti fa

Ascolta questo articolo

In questi ultimi giorni sta tornando a destare non poche preoccupazioni la situazione del Covid in Cina. In oriente pare di rivivere un film già visto, con la nuova variante, nota come Gryphon, che sta imperversando sin da ottobre. I contagi e i ricoveri risulterebbero in netto aumento, per questo in Italia ci si interroga se non sia opportuno osservare maggiore cautela e non ripetere gli errori di 3 anni fa.

Per il momento, l’agenzia sanitaria UE non ritiene giustificate le misure che molti Paesi in Europa vorrebbero introdurre per i viaggiatori provenienti dalla Cine. Il Governo italiano si mostra, invece, meno ottimista ed è pronto a fare il possibile per scongiurare nuove ondate del virus: ecco cosa ha deciso la Meloni.

 Firmata l’ordinanza

Il ministro della Salute Orazio Schillaci ha firmato un’ordinanza che reintroduce test rapidi per i viaggiatori in arrivo della Cina. “Nel Dragone stiamo assistendo a una tempesta perfetta, con una copertura vaccinale contro il Covid insufficiente e la maggior parte delle persone ancora suscettibili al virus“- ha dichiarato il Ministro sbilanciandosi sull’attuale situazione sanitaria in Cina.

In effetti, dai dati in arrivo da Malpensa, dove si sono effettuati i primi test sui viaggiatori in arrivo dalla Cina lo scorso 26 dicembre, si conferma una situazione di grande emergenza: quasi un passeggero su due sarebbe risultato positivo al test antigenico rapido. La minaccia di una nuova ondata di Covid sembra essere reale, per questo motivo anche molti altri Paesi nel mondo sono intenzionati ad introdurre nuovi controlli sulla falsariga dell’Italia.

Nel corso dell’informativa presentata al Senato, il ministro si è detto anche ottimista relativamente a quanto emerso dagli studi in laboratorio: “I primi risultati di laboratorio evidenziano in Cina la circolazione di varianti e sottolignaggi già presenti nel nostro territorio e questa è la notizia più rassicurante“. Il neo premier Giorgia Meloni ostenta, invece, grande sicurezza, sostenendo come nel nostro Paese la situazione sia sotto controllo“, seppur rimanga utile l’uso di tamponi e mascherine.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - La situazione sanitaria cinese, con la circolazione della nuova variante Gryphon, sembra destare una certa preoccupazione in Italia e non solo. Francamente ritengo che sia arrivato il momento di mettere da parte le paure e le speculazioni sul Covid, abbandonando ogni tipo di restrizione sanitaria che si è già rivelata del tutto inutile in passato.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!