Il campione della nazionale non ce l’ha fatta, ucciso a soli 26 anni

Il mondo dello sport piange la scomparsa di un altro grande campione. Si trovava in Italia per gli allenamenti con la sua nazionale: ecco come è morto.

Pubblicato il 10 gennaio 2023, alle ore 11:23

Il campione della nazionale non ce l’ha fatta, ucciso a soli 26 anni

Ascolta questo articolo

Ancora una volta il mondo dello sport è in lutto per la scomparsa di un grande campione, conosciutissimo anche a livello internazionale. Gli ultimi mesi sono stati segnati da alcune disgrazie particolarmente sconvolgenti per lo sport italiano, con la morte improvvisa a dicembre di Sinisa Mihajlovic, alla quale ha fatto seguito la triste dipartita di Gianluca Vialli pochi giorni fa.

Mentre ancora si cercava di metabolizzare la morte dell’ex leggenda bianconera, è giunta come un fulmine a ciel sereno un’altra terribile notizia. Il grande campione ha perso la vita a soli 26 anni, proprio durante un periodo di ritiro in Italia con la sua nazionale. Sotto choc amici e compagni di squadra: ecco chi ci ha lasciati.

Addio al campione

E’ successo lo scorso 6 gennaio, esattamente lo stesso giorno in cui è scomparso un altro grande campione: Gianluca Vialli. Dopo una lunga ed estenuante lotta contro il tumeore al pancreas, l’ex attaccante bianconero si è spento a 58 anni. Una giornata nera per il mondo dello sport, che ha dovuto fare i conti con un altro gravissimo lutto che ha coinvolto un giovane atleta del canottaggio, Cristoph Seifriedsberger, deceduto a soli 26 anni. 

Si trovava da pochi giorni in ritiro con la nazionale austriaca in Italia, a Sabaudia, per effettuare la preparazione atletica in vista dei prossimi importanti appuntamenti. Il campione austriaco ha perso tragicamente la vita in seguito ad un terribile incidente proprio durante una sessione di allenamento.

Stava percorrendo in bicicletta le strade della cittadina laziale quando, improvvisamente, è stato travolto da una Lancia Ypsilon guidata da una ragazza. L’impatto è stato violentissimo, l’atleta è stato sbalzato per decine di metri dal punto di impatto, riportando ferite gravissime. Giunti prontamente sul posto i soccorritori del 118, si è tentato in tutti i modi di rianimare il 26enne, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. Le forze dell’ordine hanno subito avviato le indagini per ricostruire la dinamica dei fatti. Tanti i messaggi di cordoglio apparsi sui social per ricordare il giovane campione, anche il sindaco di Sabaudia, Alberto Mosca, ha voluto esprimere profonda vicinanza alla famiglia del 26enne.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Lo scorso 6 gennaio il mondo dello sport ha dovuto piangere la scomparsa di due grandi atleti. Colpisce molto la morte del giovane campione austriaco, che aveva purtroppo solo 26 anni. Si tratta di tragiche fatalità contro le quali si può fare ben poco, spero che il giovane sia ricordato con i giusti onori.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!