I sintomi dell’aneurisma cerebrale che ha colpito Stefano Tacconi

L'ex portiere della Juventus e della Nazionale di calcio italiana non sta molto bene, in quanto colpito da aneurisma cerebrale. Vediamo di cosa si tratta e quali sono i sintomi.

I sintomi dell’aneurisma cerebrale che ha colpito Stefano Tacconi

Ascolta questo articolo

In questi giorni c’è molta apprensione nel mondo del calcio italiano, in quanto l’ex portiere della Juventus e della Nazionale di calcio italiana, Stefano Tacconi, si trova ricoverato all’ospedale di Alessandria in gravissime condizioni, in quanto colpito da aneurisma cerebrale. Lo sportivo sembrava stare bene, anche perchè nelle scorse settimane aveva partecipato ad una serie di impegni, primo tra tutti la presentazione del suo libro. Niente faceva presagire quello che sarebbe successo di lì a poche ore. 

Tacconi al momento è ancora ricoverato in Rianimazione e nelle scorse dall’ospedale si è deciso di sospendere le comunicazioni ufficiali circa il bollettino medico. Si tratta, come spiegano dal nosocomio alessandrino, di una fase molto delicata durante la quale può succedere di tutto. Ma che cos’è l’aneurisima cerebrale e quali sono i sintomi? Vediamoli insieme. 

Che cos’è un aneurisma

Per anerusima cerebrale si intende una dilatazione di un vaso sanguigno presente nel cervello. Da questa dilatazione si forma una specie di protuberanza, che però potrebbe rompersi in qualsiasi momento dando origine all’aneurisma, che in alcuni casi può essere anche fatale per il paziente che ne è colpito. 

All’origine di un aneurisma cerebrale c’è solitamente un cattivo stile di vita, ma non è escluso che possa esserci anche una predisposizione congenita. Tra i sintomi più comuni che indicano l’arrivo di un aneurisma c’è la cefalea. I sanitari devono svolgere subito esami accurati e intervenire tempestivamente.

I trattamenre farmacologici, se avvengono in maniera tempestiva, possono salvare la vita al paziente in molti casi. Bisogna ricordare che l’aneurisma può verificarsi non solo nel cervello, ma in qualsiasi vaso sanguigno del corpo umano. La conseguenza più drammatica di un aneurisma cerebrale, è l’ictus. Inoltre bisogna tenere presente che finchè l’aneurisma rimane intatto e non si rompe è raro che il paziente avverta dei sintomi particolari, la cefalea data da un aneurisma è poi particolarmente forte e deve essere motivo di allarme se non si riscontrano altre cause a proposito del mal di testa.

I nostri video tutorial
Fede Sanapo

Cosa ne pensa l'autore

Fede Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come esistano patologie molto pericolose, come appunto può essere l'aneurisma cerebrale. Per Stefano Tacconi c'è molta apprensione, in quanto le sue condizioni sono molto serie. Staremo a vedere come evolverà la situazione, le condizioni di Stefano vengono costantemente monitorate con attenzione dal personale sanitario dell'ospedale alessandrino.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!