Forte scossa di terremoto magnitudo 6.0, i primi aggiornamenti (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Un terremoto, oltre a seminare panico tra la popolazione dell’area colpita che spesso, in preda alla disperazione, si riversa in strada o si affida ai social per condividere la paura con altra gente che si trova nella stessa situazione, è tra i fenomeni più temuti sin dai tempi immemori. 

Come ormai noto, esso consiste in una serie di rapide oscillazioni del suolo dovute a un brusco rilascio dell’energia accumulatasi in una zona sotterranea compresa tra poche decine di metri e centinaia di chilometri di profondità, l’ipocentro. Parliamo di epicentro per descrivere il  punto sulla superficie terrestre situato sulla verticale dell’ipocentro.

La forza dei terremoti si misura in due modi diversi: calcolandone la magnitudo, ossia l’energia sprigionata nel punto di origine (l’ipocentro), oppure l’intensità, cioè valutando gli effetti che quel terremoto ha provocato sull’ambiente o sulle opere costruite dall’uomo (case, strade, ponti).

La magnitudo è una misura fisica precisa dell’energia del sisma, che viene calcolata in pochi minuti attraverso strumenti che misurano spostamento, velocità e accelerazione del suolo, i sismografi.

La magnitudo dei terremoti si misura con la Scala Richter, che va da 0 a 13 gradi, dove 1,5 equivale all’intensità dell’esplosione di una piccola carica da costruzioni edili, e 13 a quella dell’asteroide che cancellò i dinosauri.