Dieta del mandarino: il menu che annienta la cellulite e fa perdere 4 kg in una settimana

La dieta del mandarino consente di depurare l’organismo dalle tossine, ridurre la ritenzione idrica e migliorare le difese immunitarie. Il menu fa perdere fino a 4 kg in una settimana e apporta all'organismo elevati quantitativi di vitamina C e P.

Dieta del mandarino: il menu che annienta la cellulite e fa perdere 4 kg in una settimana

Arance, pompelmi, clementine, lime, cedri, limoni, bergamotti. Le tipologie di agrumi sono davvero tante, ma tra le tante varietà il mandarino è il più indicato per rimettersi in forma, grazie al ridotto introito calorico (53 kcal ogni 100 grammi) e al contenuto di fibre. I mandarini sono perfetti per placare i morsi della fame, danno un immediato senso di sazietà, coadiuvano il processo di digestione, implementano i movimenti intestinali, sgonfiano l’addome e contrastano la ritenzione idrica.

Ma i mandarini non sono portentosi esclusivamente ai fini dietetici; sono degli agrumi completi a 360 gradi. Questi agrumi contengono un elevato quantitativo di vitamina C, la quale aiuta a tenere lontani i virus stagionali. Un consumo quotidiano di mandarini aiuta, inoltre, a rinforzare le proprie difese immunitarie e può aiutare ad ottenere una forma fisica raggiante.

Al di là dell’acido folico, del ferro e del magnesio, nella polpa dei mandarini è racchiusa la vitamina P, perfetta per riparare le mucose e i vasi sanguigni, ma soprattutto per facilitare la diuresi. La vitamina P è una vera e propria panacea dal potere drenante, in grado di far sgonfiare i tessuti e far dimagrire rapidamente. I mandarini sono eccellenti anche per il benessere della struttura ossea, del colon e della pressione arteriosa. L’elevato quantitativo di calcio, potassio e fibre li rende gli agrumi per antonomasia.

La dieta del mandarino

Seguendo meticolosamente la dieta del mandarino, si possono perdere sino a 4 kg in 7 giorni. La giornata tipo di questo regime dietetico prevede al risveglio una tazza di acqua con succo di limone; a colazione, una tazza di thè verde, una spremuta di mandarini e uno yogurt magro.

Come snack mattutino potete sorseggiare un bicchiere di succo di mandarini o, in alternativa, un paio di mandorle, ricordando sempre di bere nell’arco della giornata almeno 2 litri d’acqua minerale naturale.
Per pranzo si può consumare un piatto di riso integrale, condito con un filo di olio extravergine d’oliva, una porzione di finocchi e una di ortaggi bolliti, accompagnati da 4 piccoli mandarini.

Non è previsto uno spuntino pomeridiano, ma per cena si può degustare un’appagante porzione di carne bianca o pesce fresco grigliato, con un contorno di olive nere – senza eccedere nella quantità – e qualche mandarino prima di andare a dormire.

I nostri video tutorial
Gloria La Barbera

Cosa ne pensa l'autore

Gloria La Barbera - Ritengo che, occasionalmente, un regime dietetico pregno di frutta fresca possa rappresentare una panacea e un'importante opportunità per fare del sano detox. Sebbene, a primo acchito, possa comprensibilmente sembrare una tendenza del momento e/o una dieta d'oro per le fanatiche del wellness e delle cure dimagranti, la dieta del mandarino non può di certo essere dannosa per l'organismo, tantomeno arrecare carenze nutrizionali irreversibili.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!