Coppia si toglie la vita dopo la scomparsa del figlio, quello che accade dopo ha dell’incredibile

Due coniugi, dopo aver appreso dalla scuola della scomparsa del figlio minorenne, decidono di suicidarsi ma quello che accade dopo ha davvero dell'incredibile.

Coppia si toglie la vita dopo la scomparsa del figlio, quello che accade dopo ha dell’incredibile

Ascolta questo articolo

Un dramma , quello che si è consumato in Spagna, che ha sconvolto il mondo intero perchè, in breve tempo, la notizia ha fatto il giro del web e dei media.

La tragedia si è consumata nel villaggio di Ferreiros, nel nord della Spagna, all’inizio di maggio e, purtroppo, l’epilogo è stato drammatico, tanto che, a distanza di alcuni giorni, si fa davvero un’enorme fatica a credere che sia potuto accadere proprio questo.

La ricostruzione della tragedia 

Tutto è iniziato il 2 maggio, quando Sophie, cittadina olandese trasferitasi in Spagna nel 2014, ha ricevuto un’agghiacciante notizia dalla scuola: suo figlio Kolen, 15 anni, era scomparso. La famiglia aveva deciso di lasciarsi alle spalle lo stress dei precedenti lavori nei Paesi Bassi e di ricercare la serenità all’interno del piccolo villaggio di Ferreiros, dopo aver percorso il famoso Cammino di Santiago.

E’ stata proprio quell’esperienza religiosa a far maturare in loro l’idea di un cambio radicale di vita, lontano dalla frenesia e dai ritmi estenuanti di lavoro. Poi, come una doccia fredda, è arrivata la notizia della scomparsa e Sophie, proprio mentre erano in corso le ricerche del ragazzino, non ce l’ha fatta a sopportare così tanto dolore, suicidandosi, dopo aver lasciato un biglietto d’addio.

Il marito Raymond, anche lui olandese, si trovava in Francia quando la moglie si è tolta la vita. Rientrato immediatamente in Spagna, dove non è stato arrestato perchè la polizia non lo ha ritenuto sospetto, anche lui si è suicidato poche ore dopo essere arrivato a Ferreiros. Ma questo dramma, forse, si sarebbe potuto evitare perchè il 15enne è stato ritrovato, pochi giorni dopo, mentre girovagava in un centro commerciale.

Dietro questo duplice suicidio e dietro la scomparsa, per fortuna culminata col ritrovamento del giovane in vita, si nasconde tanta sofferenza psichica. Da una prima ricostruzione dei fatti, pare che Raymond avesse cominciato a soffrire di depressione dopo la pandemia, isolandosi in casa… abitazione che era diventata un carcere anche per gli altri due membri della famiglia, Sophie e Kolen. In particolare al 15enne era stato vietato di andare a scuola, iniziando, amche lui, ad avere problemi psicologici. Gli stessi vicini hanno raccontato delle fughe sempre più frequenti del povero ragazzo dalla sua abitazione. Una terribile vicenda che mette in luce la vulnerabilità della mente umana ai tempi del Covid. 

I nostri video tutorial
Caterina Lenti

Cosa ne pensa l'autore

Caterina Lenti - Una tragedia che, forse, si sarebbe potuta in qualche modo evitare, se solo qualcuno avesse capito cosa stava accadendo tra le mura di quell'abitazione, divenuta un cella carceraria per la famiglia, dopo i problemi psicologici legati alla pandemia. Pongo le mie più sentite condoglianze ai familiari delle 2 vittime, nell'attesa che si faccia chiarezza sulla vicenda.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!