Come alleviare i dolori mestruali con la tintutura madre di calendula

I dolori mestruali colpiscono molte donne e sono fonte di spiacevoli disagi. Tuttavia esistono rimedi capaci di alleviare il dolore, vediamo come con la tintura madre di calendula.

Come alleviare i dolori mestruali con la tintutura madre di calendula

Le donne fertili durante il ciclo possono essere colpite da dismenorrea ovvero dai fastidiosi dolori mestruali che causano crampi di origine uterina; i fattori scatenanti possono essere molteplici: ansia, stress o semplicemente fattori genetici sono solo alcuni esempi. Generalmente la causa del dolore è l’endometrio che durante il periodo mestruale, produce grandi quantità di prostaglandine che, in concentrazioni alte, genera contrazioni uterine causa del dolore al basso ventre. Solitamente i dolori mestruali si presentano con sintomi ben precisi: mal di schiena, dolore ai seni, diarrea o stichezza, nausea, lombalgia sbalzi d’umore e nervosimo.

Come ogni disturbo è sempre bene consultare un medico capace di dare la giusta terapia da esegurire. Tuttavia, esistono rimedi naturali capaci di placare questo dolore, uno fra tutti è la tintura madre di calendula.

I benefici della tintura madre di calendula

La calendula (Calendula officinalis) è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteraceae dai fiori di colore giallo-arancio; i capolini del fiore sono impiegati per uso cosmetico e fitoterapico grazie alle loro proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antispasmodiche.

Dati i suoi innumerevoli benefici, generalmente la calendula viene impiegata per uso topico sotto forma di creme o unguenti, per uso interno come tintura madre e in infuso per via orale. E’ ricca di principi tra i quali triterpeni, flavonoidi, polisaccaridi, mucillagini, caroteni, fitosteroli, olio essenziale e acido salicilico. Per via della sua azione antispasmodica viene adoperata contro i dolori mestruali e addominali e se si vuole utilizzare come rimedio naturale è possibile farlo preparando la tintuara madre di calendula. Prima di assumerla è necessario chidere il parere del medio. 

Per realizzare la tintuara madre di calendula in casa occorre far macerare i fiori secchi in un barattolo possibilmete scuro, insieme ad una soluzione di acqua e alcool tra i 55°- 60° per una ventina di giorni, agitando il flacone ogni giorno. Per non alterare le sue proprietà, il barattolo va riposto in un luogo fresco e asciutto lontano da fonti di calore. Il rapporto erba-alcool è 1:10 quindi, ad esempio, 100 grammi di fiori di calendula essiccati vanno fatti macerare in 9 litri di soluzione idroalcolica. Mediamente a seconda dei casi, per uso interno si consiglia l’assunzione di 30-40 gocce 3 volte al giorno per un massimo di 180 gocce al dì.

I nostri video tutorial
Valentina Isernia

Cosa ne pensa l'autore

Valentina Isernia - E' sempre interessante scoprire come la natura ha tutte le risposte anche a me a volte capita di avere dolori mestruali e quando la situazione si fa pesante divento nervosa stanca e affamata. Non ho mai utilizzato la tintura madre di calendula ma se dovessi necessitarne potrei provarne l'assunzione sotto consiglio di un medico.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!