Benefici e controindicazioni dell’assunzione di cioccolato

Un dilemma che ci poniamo da sempre, riguarda il cioccolato. Fa bene o fa male? Salvo casi particolari, la risposta è quella valida un po’ per tutto: possiamo consumare qualsiasi alimento, basta farlo con moderazione.

Benefici e controindicazioni dell’assunzione di cioccolato

Il cioccolato è ricco di flavonoidi, potenti sostanze anti ossidanti che inoltre impattano positivamente sul sistema cardiovascolare. È bene specificare che i flavonoidi sono contenuti nel cioccolato grazie al cacao, che viene estratto dai semi dell’omonima pianta diffusa nell’America tropicale.

Non tutti i tipi di cioccolata contengono però un’adeguata quantità di cacao. Per questo motivo è sempre importante leggere l’etichetta ed in particolare cercare la pasta di cacao tra i componenti. Inoltre quando possibile è preferibile scegliere un cioccolato in cui sia presente lo zucchero integrale o di canna.

Come è noto, nelle etichette gli ingredienti compaiono in ordine decrescente di quantità. Accertiamoci allora che la pasta di cacao sia il primo degli ingredienti elencati. Ci accorgeremo così che il cioccolato bianco non contiene pasta di cacao ma soltanto burro di cacao; tecnicamente non potrebbe neanche considerarsi un vero e proprio cioccolato. Per quanto riguarda il cioccolato fondente, invece, la quantità di pasta di cacao minima per poterlo considerare tale è del 70%.

Benefici

Vediamo allora i benefici che potrebbe apportare l’assunzione di cioccolato, sottolineando però che si riferiscono quasi esclusivamente a quello fondente.

  • Stimola la memoria, grazie all’alta concentrazione di flavonoidi.
  • È fonte di ferro.
  • Aiuta a proteggere dalla carie, poiché contiene calcio e fosforo, ma ovviamente non può sostituire una corretta e costante igiene orale.
  • Può regolare il controllo del colesterolo, favorendo la produzione di quello “buono”.
  • Rilascia endorfine, sostanze che oltre a stimolare il buon umore, accrescono il senso di sazietà.

Controindicazioni

Il cioccolato è, invece, sconsigliato per chi soffre di gastrite o reflusso gastro esofageo perché stimola la produzione di succhi gastrici.

Inoltre essendo un cardiotonico, poiché contiene sostanze neurostimolanti come la caffeina anche se in minima parte, potrebbe aggravare ulteriormente l’insonnia. Per lo stesso motivo è preferibile limitarne l’uso per chi assume farmaci contro l’ipertensione arteriosa perché potrebbe contrastarne l’effetto.

Infine i soggetti allergici dovrebbero prestare particolare attenzione perché il cioccolato stimola la produzione di istamina.

I nostri video tutorial
Alessia Castro

Cosa ne pensa l'autore

Alessia Castro - Una porzione adeguata, che ci permette di godere dei benefici del cioccolato fondente è di 20/30 grammi, circa tre quadratini, da mangiare 3 o 4 volte alla settimana. Ma ricordiamoci di non essere mai troppo severi con noi stessi. Potrebbe capitare di sentire ogni tanto la necessità di una coccola golosa: concediamocela.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!