Questa modella lo ribadisce una volta di più: “Magre non significa belle”. Infatti guardate lei… (2 di 2)

Questa modella lo ribadisce una volta di più: “Magre non significa belle”. Infatti guardate lei…

Iskra compirà 27 anni tra pochi giorni, essendo nata l’11 settembre 1990, vive a Wolverhampton e lavora per l’agenzia di moda Aerie, un brand appartenente alla American Eagle Outfitters. Al contrario di molte sue colleghe, Iskra non è certo la classica modella che si costringe a diete massacranti per mantenersi costantemente sulla soglia dell’anoressia, ma non è nemmeno appartenente al partito opposto – di gran moda di questi tempi – secondo il quale grasso è bello. No: Iskra rappresenta la via di mezzo tra le due cose, una ragazza “normale” per così dire.

Questa modella lo ribadisce una volta di più: “Magre non significa belle”. Infatti guardate lei…

Ed è proprio questa sua normalità, la straordinaria genuinità e naturalezza della sua bellezza, ad averle consentito di diventare una star. Così come chiunque altro ami mantenersi in forma, anche Iskra affronta dure sessioni di allenamento in palestra e di workout, ma non è ossessionata dalla magrezza e dalle forme estremamente definite, ma piuttosto promuove uno stile di vita secondo il quale al primo posto vengono proprio la salute e la normalità. Tant’è che la ragazza è stata anche la fondatrice del sito web Runway Riot.

Questa modella lo ribadisce una volta di più: “Magre non significa belle”. Infatti guardate lei…

Runway Riot è un portale web che promuove la bellezza in ogni sua forma, senza che debba per forza attenersi ad un archetipo particolare: vi sono donne naturalmente più in carne ed altre naturalmente magre, l’importante secondo la filosofia della 26enne inglese è rispettare il proprio corpo ed i suoi limiti ed esaltare i suoi punti di forza, senza doverlo mortificare e modificare in maniera estrema per attenersi ad ideali estetici per i quali non si è naturalmente portati. Questo è stato il messaggio più forte e più potente di Iskra: la bellezza di ogni persona è soggettiva, unica e non potrà mai emergere in tutta la sua forza fintanto che verrà forzata in vesti che non le appartengono.

Scopri altre storie curiose