L’olio extra-vergine di oliva protegge il cervello dall’Alzheimer (3 di 3)

L’olio extra-vergine di oliva protegge il cervello dall’Alzheimer

Inoltre, le cavie presentavano livelli più elevati di autofagia cerebrale, livelli ridotti di placche beta-amiloidi e fosforilazione delle proteine ​​TAU, associate alla formazione di grovigli neurofibrillari.

“L’olio extra vergine di oliva è migliore della sola frutta e verdura. Il grasso vegetale monoinsaturo (presente nell’olio d’oliva) è più sano del grasso animale saturo”, ha affermato il professore Praticò. Gli esami del tessuto cerebrale sui ratti hanno rivelato differenze drammatiche nell’aspetto e nella funzione delle cellule nervose.

L’olio extra-vergine di oliva protegge il cervello dall’Alzheimer

“Una cosa che si è distinta immediatamente è stata l’integrità sinaptica”. L’integrità delle connessioni tra i neuroni, note come sinapsi, sono state preservate negli animali con la dieta a base di olio d’oliva. Rispetto ai ratti a dieta regolare, le loro cellule nervose, a causa dell’autofagia, erano molto più attive. “Questa è una scoperta entusiasmante per noi poiché ridurre l’autofagia segna l’inizio dei sintomi dell’Alzheimer“, ha affermato il professore che ha eseguito lo studio.

L’olio extra-vergine di oliva protegge il cervello dall’Alzheimer

“Grazie all’attivazione dell’autofagia, la memoria e l’integrità sinaptica sono state preservate e gli effetti patologici correlati alla malattia sono stati ridotti. Si tratta di una scoperta molto importante, dal momento che abbiamo il sospetto che una riduzione dell’autofagia segni l’inizio del morbo di Alzheimer”.

Ora il prossimo passo sarà quello di capire se le stesse caratteristiche aiutano a bloccare o ad invertire la malattia quando si trova già in uno stadio avanzato.

Scopri altre storie curiose