Le persone affette da Alzheimer non perdono la capacità di riconoscere una carezza: non facciamogliela mai mancare (1 di 3)

Le persone affette da Alzheimer non perdono la capacità di riconoscere una carezza: non facciamogliela mai mancare

Le persone affette dal morbo di Alzheimer, soffrono di una malattia degenerativa che si manifesta con sintomi diversi nel corso del tempo. Queste persone non perdono la capacità di riconoscere affetto, non facciamoglielo mai mancare!

L’Alzheimer è una patologia ancora oggi poco conosciuta, ci sono ancora false informazioni e tanti pregiudizi. Si pensa che una persona affetta da questa malattia è completamente disconnesso dal mondo esterno e vive nella propria dimensione interiore e irreale, ma non è del tutto così.

Le persone affette da Alzheimer non perdono la capacità di riconoscere una carezza: non facciamogliela mai mancare

In questo articolo parliamo dell’importanza delle carezze, degli abbracci e dell’affetto che serve per le persone affette da questa patologia.

La demenza senile, il morbo di Alzheimer, il Parkinson e altre malattie che portano ad una diminuzione, di solito graduale, di molte delle funzioni intellettive, sono malattie che cambiano la vita del malato e causano sbalzi d’umore e gradualmente diminuisce la capacità di ragionare, riconoscere, usare le cose e altro.

Le persone affette da Alzheimer non perdono la capacità di riconoscere una carezza: non facciamogliela mai mancare

In breve, perdono la loro indipendenza e hanno bisogno di cure costanti.

Sebbene di demenze soffrano tra il 5 e il 10% della popolazione degli anziani, i problemi di memoria colpiscono il 50% delle persone oltre i 65 anni.
I pilastri fondamentali del trattamento della demenza sono le misure non farmacologiche di cura per il paziente e chi lo assiste.

Quali sono i sintomi della demenza senile o dell’Alzheimer? 

I sintomi possono essere estremamente mutevoli ma i principali sintomi che i pazienti manifestano sono: