Ecco alcune cose da fare ogni sera per rendere la mattinata più luminosa e felice (2 di 2)

Ecco alcune cose da fare ogni sera per rendere la mattinata più luminosa e felice

Mangiare un kiwi per dormire bene

Molte persone preferiscono mangiare della frutta al mattino, ma ci sono alcuni frutti che sarebbe meglio mangiare la sera, come il kiwi. Diversi studi dimostrano che consumare 2 kiwi un’ora prima di andare a letto, aiuta ad addormentarsi più velocemente e a dormire più profondamente. Le vitamine E e C regolano le connessioni neurali nel cervello che sono responsabili dei cicli di sonno sani e della produzione di serotonina.

Ecco alcune cose da fare ogni sera per rendere la mattinata più luminosa e felice

Leggere qualcosa che vuoi ricordare

Gli scienziati dell’Università del Sussex hanno dimostrato che leggere è il modo migliore per rilassarsi perché, immergersi in un mondo diverso, aiuta a liberarsi dallo stress dei problemi quotidiani ed è meglio del tè o di ascoltare musica. Hai solo bisogno di passare 6 minuti con un libro per ridurre il tuo livello di ansia e rilassare i muscoli. Il tuo cervello memorizza meglio di notte. Questo fatto aiuta effettivamente gli studenti che studiano di notte a superare gli esami. Nessun smartphone o ebook: usa libri cartacei per evitare problemi causati dalla luce dello schermo.

Ecco alcune cose da fare ogni sera per rendere la mattinata più luminosa e felice

Fare una doccia calda o un bagno

Una doccia calda al mattino non è la scelta migliore perché la temperatura calda è in realtà un aiuto per dormire. È meglio farla la sera prima perché questo cambiamento di temperatura corporea, crea un impulso nel nostro corpo che ci rende meno attivi. Una vasca calda è in realtà un ottimo modo per affrontare l’insonnia. Una doccia o un bagno caldo prima di andare a letto ha tanti vantaggi: calma i nervi, pulisce i pori ostruiti, stabilizza il livello di glucosio nel sangue, rilassa la spina dorsale, ed è molto importante dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio.

Scopri altre storie curiose