Dieta per il reflusso gastrico: i cibi da mangiare e quelli da evitare (1 di 2)

Dieta per il reflusso gastrico: i cibi da mangiare e quelli da evitare

Chi soffre di reflusso gastrico sa bene quanto sia spiacevole avvertire quella sensazione di bruciore nell’area addominale. Spesso, infatti, chi soffre di questo disturbo avverte una sensazione molto spiacevole durante l’arco della notte ma anche durante la giornata.

Per questo motivo sarà di fondamentale importanza riuscire a seguire un’alimentazione che possa in qualche modo mitigare i sintomi e di conseguenza fare in modo che il reflusso diminuisca.

Esistono, infatti, alcuni cibi che possono aiutarci a prevenire il reflusso gastrico e ridurne i fastidi. L’aceto di mele è uno di questi alimenti. Questo particolare aceto, infatti, regola gli acidi dello stomaco.

Dieta per il reflusso gastrico: i cibi da mangiare e quelli da evitare

Di conseguenza, quindi, consumarne un cucchiaio in un bicchiere d’acqua, mescolare e bere la sostanza così ottenuta cinque minuti prima di consumare i pasti potrà aiutarci a prevenire il reflusso gastrico e di conseguenza a mitigare quella spiacevole sensazione che spesso avvertiamo durante la digestione e che sovente rende tutto più difficile.

Le verdure a foglia verde sono facilmente digeribili e di conseguenza possono aiutarci a prevenire il reflusso gastrico, migliorando quindi la digestione e non appesantendo questo naturale processo del nostro corpo.

Dieta per il reflusso gastrico: i cibi da mangiare e quelli da evitare

Le verdure a foglia larga sono tante, si possono trovare in ogni stagione dell’anno e potranno essere utilizzate per la preparazione di tantissimi piatti comunque gustosi e particolari ma con la certezza di mitigare questo particolare disturbo che affligge tantissime persone.

Il kefir è una sostanza che viene sempre più utilizzata ultimamente. Questa sostanza agisce sui sintomi del reflusso gastrico, aiuta la digestione e di conseguenza ci aiuta moltissimo durante l’arco della giornata.

Per un effetto migliore bisognerebbe assumere il kefir con sostanze fermentate per almeno 24 ore. In questo modo, infatti, avremo una sostanza particolarmente benefica per il nostro organismo.