Cosa fa Veronica Panarello 8 anni dopo il delitto del piccolo Loris

La donna accusata dell'omicidio del piccolo Loris si trova reclusa attualmente nel carcere Lorusso e Cotugno di Torino. Dal giorno del delitto per lei sono cambiate tante cose, è stata condannata a 30 anni di reclusione con sentenza definitiva.

Cosa fa Veronica Panarello 8 anni dopo il delitto del piccolo Loris

Ascolta questo articolo

In Italia nel corso degli anni sono avvenuti tantissimi fatti di cronaca che, anche a distanza di tempo, continuano a far parlare di sé. Spesso si tratta di episodi spiacevoli, che malvolentieri si ricordano e che hanno comunque segnato la storia del nostro Paese. Tra questi c’è ad esempio l’omicidio del piccolo Loris, il bambino di 8 anni che venne ucciso a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, il 29 novembre 2014. Per il delitto è stata imputata la madre, Veronica Panarello.

La donna, dopo un lungo processo penale che l’ha vista coinvolta, è stata condannata a 30 anni di reclusione, in quando colpevole di aver ucciso il bambino. Alla Panarello venne anche contestato l’occultamento di cadavere, e inizialmente si era dichiarata innocente. Furono gli investigatori, in particolare i carabinieri, a chiudere il cerchio attorno alla giovane madre.Veronica Panarello oggi ha 31 anni e si trova ancora rinchiusa in carcere dove sta scontando la sua pena. Ma ci sono delle novità importanti.

Cosa fa Veronica Panarello

Nel corso della nostra vita più o meno tutti noi affrontiamo dei cambiamenti, e così avvenuto anche per Veronica Panarello, la donna appunto accusata del terribile infanticidio del piccolo Loris. La donna si trova attualmente presso il carcere Lorusso e Cotugno di Torino, e qui è stata trasferita per un motivo ben preciso.

Ogni giorno, infatti, Veronica esce per qualche ora dalla sua cella del carcere per frequentare un corso per diventare operatrice sociale. Quando uscirà di prigione lei vorrebbe infatti ricostruirsi una vita professionale. La Panarello ha già scontato otto anni, inclusa la carcerazione preventiva per via del delitto.

Tra lei e il suo ex marito ci sono soltanto contatti formali, e quest’ultimo è obbligato dal Tribunale a dare a Veronica notizie regolari dell’altro figlioletto che attualmente si trova in Sicilia. Il padre Franco crede nell’innocenza della figlia, la quale avrebbe anche sostenuto durante le udienze di essere stata “testimone” del delitto, commesso a suo dire dal suocero Andrea Stival. Vista l’infondatezza delle accuse quest’ultimo ha querelato Veronica per calunnia e minacce.

I nostri video tutorial
Fede Sanapo

Cosa ne pensa l'autore

Fede Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come fatti di cronaca gravi continuino a far parlare di sè anche dopo tantissimi anni. Il caso dell'omicidio del piccolo Loris all'epoca dei fatti sconvolse l'opinione pubblica italiana. Da allora si sono susseguiti numerosi episodi simili. L'imputata, Veronica Panarello, la madre del piccolo Loris, sconta attualmente la sua pena in carcere.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!