Caso Liliana Resinovich, scoperta choc sulla spazzatura: la notizia improvvisa

Emergono nuovi inquietanti novità sul caso di Liliana Resinovich. Intervistato a Quarto Grado, un suo amico si è lasciato andare ad una importante confessione: ecco cosa ha detto.

Pubblicato il 6 giugno 2022, alle ore 17:38

Caso Liliana Resinovich, scoperta choc sulla spazzatura: la notizia improvvisa

Ascolta questo articolo

Continua a tenere banco il caso di Liliana Resinovich, la donna trovata morta nel bosco avvolta in dei sacchi neri. Sino ad ora le indagini si sono concentrate sul marito Sebastiano Visentin e sul rapporto ambiguo con l’amico Claudio Sterpin, probabilmente amante di Lilly. Sicuramente si tratta di una vicenda ancora piuttosto contorta, in cui sta giocando un ruolo fondamentale il telefono della donna e i messaggi che inviava a questi uomini.

Tuttavia nelle ultime ore sembra esserci una svolta, nel corso dell’ultima puntata di ‘Quarto Grado‘ un amico di Liliana, Fulvio Covalero, ha fatto una importante rivelazione. Si tratta di parole molto forti che potrebbero presto cambiare le carte in tavola degli inquirenti, ecco cosa ha rivelato l’amico.

Le ultime novità

Scomparsa il 14 dicembre 2021, Liliana Resinovich è stata poi ritrovata dopo qualche giorno in un boschetto nei pressi dell’ex Ospedale Psichiatrico di San Giovanni. Viste le condizioni in cui è stata ritrovata, cioè avvolta in due sacchi neri con la testa chiusa in dei sachetti di Nylon, si è pensato subito all’ipotesi di omicidio per soffocamento. Tuttavia il fatto che dall’autopsia non sia emerso alcun tipo di segni di violenza, non ha escluso persino l’ipotesi del suicidio.

Le dichiarazioni dell’amico di Liliana rilasciate ai microfoni di Quarto Grado aprono intanto un nuovo scenario clamoroso. Secondo il suo racconto, quando si è recato a perlustrare la zona insieme a Claudio Sterpin, per qualche strano motivo quest’ultimo l’avrebbe sempre cercata proprio in un sacco nero. Ed effettivamente, poi, il corpo della donna è stato ritrovato proprio così.

Ma non è tutto. E’ successo che Covalero scrutasse dei sacchi dell’immondizia neri proprio nel bagagliaio della macchina di Sterpin. Ecco cosa ha riferito testualmente: “Un sacco dell’immondizia nero l’ho visto nella sua auto durante una delle nostre perlustrazioni. Ricordo di aver avuto i brividi quando l’ho notato nel bagagliaio”. Si tratta di dichiarazioni particolarmente forti, certamente non delle prove, ma importanti indizi che potrebbero essere presi in considerazione dalla Procura.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Questo caso di cronaca è diventato tristemente noto all’opinione pubblica per la particolare brutalità con cui si è consumato il crimine. E’ necessario che il colpevole sia al più presto processato e condannato a scontare la giusta pena. Ritengo che queste dichiarazioni dell'amico di Liliana possano costituire un importante indizio.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!