Stupra una 12enne nel suo letto: l’orrore dell’orco (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Storie dell’orrore, storie che si fa fatica a raccontare e rischiano di urtare la suscettibilità di alcuni. Sono tragedie che non possono essere nascoste. Non è giusto che su di esse cali il sipario, anzi, gli occhi delle istituzioni devono essere più vigili possibili.

Un problema serissimo, una vera e propria piaga sociale, un’emergenza, quella delle violenze a carico delle donne. Sono all’ordine del giorno, casi di cronaca aventi per protagoniste giovani madri, ragazze, minori, vittime di abusi.

Violenze verbali che, in breve tempo, si trasformano in inaudite violenze fisiche. Schiaffi, pugni, maltrattamenti, sevizie, sino a tragici epiloghi, come i femminicidi, o violenze sessuali.

Quel che fa rabbrividire è che, nella maggior parte dei casi, a commettere quelle violenze, sono compagni, padri, nonni, ex . E’ in casa che si trovano gli orchi.

La storia che vi sto per raccontare arriva dalla provincia di Latina, è accaduta in Italia e farebbe ribollire il sangue a tutti gli uomini che non hanno mai osato sfiorare, se non con una carezza, una donna.