Striscia la notizia, aggressione choc verso l’inviato Luca Abete: le sue condizioni (1 di 2)

Ascolta questo articolo

 

Striscia la notizia esordì alle 20:25 il 7 novembre 1988 su Italia 1, condotto da Ezio Greggio e Gianfranco D’Angelo e diretta da Beppe Recchia. Da allora di anni ne son passati e anche tanti.

Eppure il programma si conferma tra i più seguiti e amati dagli italiani. Il famosissimo tg satirico è stato ideato da Antonio Ricci, che da sempre ne cura temi e contenuti, scegliendo i presentatori che, ciclicamente, lo conducono.

E gli ascolti giornalieri sono una conferma di quanto lo scorrere del tempo non abbia minimamente intaccato le sorti del programma che continua a conquistare con i suoi servizi, le segnalazioni, le rubriche, le consegne del fatidico Tapiro d’oro.

Ogni puntata è un mix di temi di scottante attualità, temi “rognosi”, “fastidiosi”, di cui molti preferiscono non parlare ma che rivelano un’Italia che deve fare i conti contro piaghe insidiose.

Dalla mafia, alla tossicodipendenza, sino all’abusivismo, all’inquinamento ambientale, i diversi inviati, impegnati a girare l’Italia, sono pronti a smascherare truffatori e sedicenti santoni, spacciatori, politici dalle mani bucate, ma anche di “semplici” vip oggetto di forte clamore mediatico. Tra gli inviati, Luca Abete ha rischiato davvero di brutto. Vediamo cosa gli è successo.