Sorelle investite dal treno a Riccione, cosa non torna nella vicenda: molti punti oscuri (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Madonna di Castenaso è sconvolta per l’immane tragedia che ha coinvolto Alessia e Giulia Pisanu, 2 sorelle inseparabili, di 17 e 15 anni, che condividevano tutto insieme, compresa la passione per la musica a tutto volume, per il ballo, per le discoteche della Riviera.

Avevano trascorso la nottata di sabato a ballare al Peter Pan. Poi l’arrivo alla stazione di Riccione, da cui avrebbero dovuto riprendere il treno per rientrare a casa.

Ma in soli 12 secondi si è consumato, sul binario 1, un dramma che ha lasciato senza parole l’Italia intera. Un Frecciarossa, in transito verso Milano, le ha investite e uccise.

Da allora 2 genitori e 1 sorella sono rimasti orfani, hanno perso le loro due ragazze che, come tutti gli adolescenti, avrebbero voluto solo trascorrere del tempo a divertirsi, in una normalissima serata estiva.

Ora papà Vittorio e mamma Tatiana, assieme alla 22enne Stefania, nata da una precedente relazione di Tatiana, sono distrutti e attorno alla villetta a due piani, a pochi passi dalla chiesetta del paese, si è raccolta tutta la comunità. Un andirivieni di gente, per dare conforto ad una famiglia che non si capacita di quanto accaduto.