Sinisa Mihajlovic, la notizia choc sulla tomba (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Il duro dal cuore grande, il campione serbo Sinisa Mihajlovic, non c’è più da ormai un mese. In molti vorremmo che fosse un incubo ad occhi aperti ma, purtroppo, è così che è andata.

Sinisa si è spento il 16 dicembre 2022, stroncato a 53 anni dalla leucemia mieloide acuta, che avrebbe tanto voluto battere giocando d’attacco ma il nemico ha avuto la meglio.

“Affronto il canceo a testa alta e sono sicuro di vincerlo. Giocherò come ho sempre fatto per vincere. È stata una bella botta, ma sono pronto”. Così dichiarava Sinisa il 13 luglio scorso, per poi iniziare due giorni dopo la terapia all’ospedale Sant’Orsola di Bologna.

Nelle sue parole, c’è tutta la voglia di vivere di un grande campione ma anche tutta la forza profusa da chi non lo ha mai lasciato solo, un’equipe medica, una medicina evoluta, che lo ha messo dinnanzi alla realtà dei fatti; come, per esempio, tutte le possibili “ricadute” di un’uscita pubblica in condizioni di immunosoppressione.

E’ un colpo al cuore vedere l’immagine della tomba in cui giace il corpo del grande campione, nel cimitero del Verano, dove in tanti si recano ogni giorno per chiedere ai custodi dove riposa.