Si sveglia ricoperta di sangue e piena di morsi, chi c’era nella stanza (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Quante volte ci è capitato, nella vita, di notare dei lividi sul nostro corpo o altri segni e di non ricordarci dove ce li siamo procurati? A me spesso e malvolentieri. Facendo mente locale, dopo averci riflettuto, mi rendo conto che la motivazione ce l’avevo dietro l’angolo.

Un urto al comodino durante la notte, mentre mi sono alzata per andare a bere…. ed ecco spuntare quel bel lividone nero così tanto doloroso e antiestetico! E che dire dei bernoccoli in testa?!

Da piccola ne ho collezionati in quantità industriale, quindi deve essermi rimasta la spiacevole predisposizione ad urtare ovunque! Scherzi a parte, ci sono malattie che provocano la comparsa di lividi sul corpo.

Ma se, invece di lividi, ci trovassimo delle vere e proprie ferite? Ferite talmente dolorose da costringerci ad ospedalizzazione, senza sapere come ce le siamo procurate?

Non trovate che la cosa sarebbe piuttosto curiosa? Dopo aver letto questa storia che sto per raccontarvi e che non è il frutto della mente di uno scrittore, ma di pura realtà, inizierete a pensare che nel mondo accade veramente di tutto e, a volte, la risposta non è così surreale quanto potrebbe sembrare.