Santa Rita da Cascia, la mistica che convertì il marito violento: accadrà nel terzo millennio (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Santa Rita da Cascia è una delle Sante più amate in Italia e nel mondo, tanto che il suo santuario, situato proprio a Cascia, in Umbria, è meta di migliaia di pellegrini che, ogni anno, si recano per pregare e chiedere una grazia.

Vissuta negli anni 1381-1447/1457, nella cittadina di Cascia che, all’epoca, era il punto nevralgico degli scambi commerciali e culturali, in cui si recavano artisti, scrittori, poeti provenienti da Firenze, Roma e Napoli, nel 2000 è entrata far parte del calendario universale dei santi della Chiesa cattolica.

A soli 18 anni andò sposa ad un giovane del luogo, Ferdinando Mancini, dal quale ebbe due figli. Il suo, come si usava all’epoca, fu un matrimonio combinato dagli interessi familiari.

Rita fu vittima di maltrattamenti continui da parte del Mancini, che riuscì a domare, semplicemente utilizzando la dolcezza in risposta alla sua violenza, fino a quando, dopo la sua morte, decise di entrare in monastero.

Ma ci sono cose che forse non tutti sanno della Santa, che vanno ben al di là della sua rappresentazione iconografica. Vediamole insieme perché si parla di profezie.