Rai in lutto, una perdita devastante: fan sotto choc (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Se n’è andato in punta di piedi, ma la sua morte fa troppo rumore. Sono trascorse poche ore dalla sua dipartita e non ci si riesce a capacitare della sua morte.

Piero Angela resterà per sempre nell’Olimpo dei conduttori italiani, con la sua verve, il suo carisma, la capacità di rendere, col suo tono di voce pacato, tutto più accattivante. Grazie a lui abbiamo imparato qualcosa in più sulle scoperte scientifiche, sulla storia, sull’ambiente.

E’ grazie a lui che, con dedizione, passione incommensurabile per il suo lavoro, quello che ha portato avanti fino all’ultimo, abbiamo avuto modo di approcciarci alla tv seria, quella che ha dietro tanta preparazione, ricca di contenuti.

Sulll’account Twitter CinguetteRai oggi si legge questo: “Ci ha lasciati come desiderava: in scena, mentre lavorava; era questo il suo ultimo desiderio. Ha registrato recentemente le puntate inedite (ancora in onda) di #SuperQuark, all’età di 93 anni. E ha orgogliosamente festeggiato in onda i 70 anni di lavoro in Rai”.

In tantissimi i messaggi di cordoglio da parte di esponenti politici, colleghi del mondo scientifico, culturale e televisivo. In particolare, fanno riflettere le parole del nostro Presidente Sergio Mattarella che, in un messaggio, ha descritto perfettamente questo grande protagonista della televisione italiana.