Purtroppo è ufficiale. La pessima notizia per chi ha un cane è arrivata

Una notizia, quella appena arrivata, che farà storcere il naso ai padroni dei cani. Ecco cosa è stato stabilito dalla legge e cosa si rischia se la norma viene disattesa.

Pubblicato il 24 agosto 2022, alle ore 13:21

Purtroppo è ufficiale. La pessima notizia per chi ha un cane è arrivata

Ascolta questo articolo

Sono in tanti a sostenere che i cani siano i migliori amici dell’uomo; in tanti coloro che non possono fare a meno di un amico a 4 zampe che riempia di gioia la loro vita.

Ma, come sempre, anche in questo caso, vige la regola del buon senso e del rispetto delle norme, per evitare di andare incontro a sanzioni severe se l’animale non viene tenuto in condizioni consone, arrecando danni di vario tipo al vicinato.

Cosa è stato stabilito 

La Corte di Cassazione di Caltanissetta, confermando la sentenza della Corte d’Appello di Caltanissetta, ha stabilito che se un cane abbaia tutta la notte, rendendo impossibile il riposo, i vicini hanno diritto a un risarcimento. Tutto è partito dal caso dalla sentenza n. 23408/2022 dello scorso 27 luglio, che ha accolto la domanda dei vicini di casa di un padrone di 2 cani, che li lasciava abbaiare tutte le notti sul terrazzo di un appartamento situato non in aperta campagna, ma all’interno di un condominio. 

Come scrive la Cassazione, un vicino si era rivolto al tribunale di Nicosia, in provincia di Enna, chiedendo al giudice un risarcimento del danno alla salute subìto in conseguenza dei cupi ululati nonché continui e fastidiosi guaiti, specie nelle ore notturne e di riposo, emessi dai cani che i vicini avevano collocato e mantenuto sia sul terrazzo dell’abitazione, sia sul terreno comune. 

L’uomo aveva anche spiegato che, non riuscendo a riposare per il continuo abbaiare dei cani, era stato costretto ad assentarsi dal lavoro per malattia, per poi essere licenziato. Il padrone dei cani si è difeso, dicendo che non c’era una prova della connessione tra licenziamento e mancato riposo legato ai rumori dei cani ma nonostante il suo tentativo di sedare i toni,i vicini hanno avuto ragione. L’uomo è stato condannato al pagamento di 5200 euro, “oltre a spese generali ed accessori” (quindi altri 2700 euro di spese di giudizio). 

La Cassazione ha spiegato che, per poter configurare il reato di disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone, è necessario che il fastidio provocato dal cane del vicino che abbaia superi la normale tollerabilità. In fin dei conti il nostro codice civile è molto chiaro stabilendo che: “chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici, è punito con l’arresto fino a 3 mesi, o con l’ammenda fino a euro 309. Si applica l’ammenda da euro 103 a euro 516 a chi esercita una professione o un mestiere rumoroso contro le disposizioni della legge o le prescrizioni dell’Autorità”. 

I nostri video tutorial
Caterina Lenti

Cosa ne pensa l'autore

Caterina Lenti - Ritengo giustissima la decisione della Corte di Cassazione perché il riposo è essenziale per affrontare al meglio la giornata successiva e se si verificano casi come questo, significa non aver rispetto per la persona e per la sua salute. Anch'io amo gli animali, ho 2 cani, ma mai mi sarei permessa di fargli abbaiare tutte le notti, esasperando l'intero vicinato.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!