Piccola Diana, morta per stenti? Ciò che emerge fa gelare il sangue (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Storie dell’orrore, di puro orrore, in cui ogni parola sarebbe sprecata. L’unica certezza è che la piccola Diana, di soli 16 mesi, non c’è più. La bimba è morta dopo essere stata lasciata 6 giorni da sola da sua madre, la 37enne Alessia Pifferi.

E lei dov’è andata nel frattempo? In provincia di Bergamo, dal suo nuovo compagno , a cui ha raccontato di aver lasciato la figlioletta al mare con la sorella.

La realtà, invece, era un’altra. Perché Diana, in un lettino da campeggio, con accanto un biberon e una boccetta di benzodiazepine, stava lentamente spegnendosi e di questo la Pifferi ne è sempre stata consapevole.

Un omicidio premeditato il suo, dato che la donna ha spiegato alle autorità che sapeva esattamente che poteva succedere. Sono parole che fanno venire i brividi, pronunciate da una madre che è per definizione “colei che dona la vita”.

Anche se la cronaca nera ci sta mettendo in luce tanti tristi episodi che dimostrano cosa una madre sia disposta a compiere per vendetta nei confronti dell’ex compagno, ad esempio, come nel caso della piccola Elena Del Pozzo.