Pensionato uccide la moglie malata poi si toglie la vita. La terribile scoperta del figlio (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ci sono storie struggenti, difficili da raccontare anche per chi ci occupa di cronaca perché nascondono una sofferenza profonda, difficile da capire se non si è addentro.

In un mondo che tende sempre più unicamente a puntare il dito, a giudicare senza conoscere, è facile trarre le conclusioni, crocifiggere, mettere al patibolo, tacciando alcuni di essere i carnefici.

Ma chi è il carnefice e chi la vittima non sempre è così facilmente delineabile. Anzi, ci sono casi in cui è impossibile distinguere o, peggio ancora, si tratta di due vittime.

Due modi diversi di soffrire, cui è stata posta la parola fine in modo crudo, netto, spietato, ma pur sempre tragico. La storia che sto per raccontarvi sta facendo il giro dei social e dei siti web.

Il sentimento di tutti gli utenti è unanime: sconvolgimento, stupore, amarezza. Si sarebbe potuto far qualcosa per evitare quanto accaduto? Forse è questo che in tanti si chiedono.