Omicron 5, rivelato un nuovo sintomo: ecco cosa succede

Le varianti del Covid 19 continuano a destare preoccupazione, si segnalano nuovi sintomi. Ecco le ultime rivelazioni su Omicron 5: ecco a cosa fare attenzione.

Omicron 5, rivelato un nuovo sintomo: ecco cosa succede

Ascolta questo articolo

Dopo più di due anni la pandemia da Covid continua ancora a spaventare il mondo. Periodicamente continuano a spuntare nuove varianti che, sebbene meno letali, si dimostrano più contagiose. C’è sempre più preoccupazione da parte degli esperti soprattutto in vista dell’autunno, che si preannuncia particolarmente ‘caldo’ da questo punto di vista.

Come ogni anno, grazie all’arrivo della bella stagione la situazione è in netto miglioramento. Il Governo ha deciso per questo di allentare le restrizioni limitando di molto il green pass e l’uso della mascherina. Non tutti, però, sono d’accordo con questa linea e ritengono possa portare a gravi conseguenze. Intanto chi ha contratto la nuova variante Omicron 5 ha segnalato un nuovi sintomi: ecco cosa hanno lamentato.

Di cosa si tratta

Nel corso di un’intervista a Il Messaggero Massimo Ciccozzi, responsabile di Statistica medica e epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ha fatto il punto della situazione sulla nuova variante Omicron 5. Innanzitutto ha sollevato notevoli preoccupazioni circa la linea più indulgente del governo dal punto di vista delle restrizioni, facendo presente che presto c’è il rischio di pagarne le conseguenze.

A partire da settembre si teme una nuova ondata, questa volta causata dalle varianti Omicron 4 e 5 che già starebbero spopolando in Sudafrica. Sebbene in terra africana non si registrino molti ricoverati o malati gravi, bisogna comunque prestare attenzione alle reinfezioni, in quanto chi ha contratto queste sottovarianti ha lamentato nuovi sintomi molto debilitanti.

Tra i sintomi della nuova variante, oltre a quelli già noti come mal di gola, raffreddore, tosse, perdita di gusto e olfatto, sono spuntati anche il vomito e una stanchezza più duratura. Come ha spiegato il professore Ciccozzi, queste nuove varianti sono in grado di eludere i vaccini ed è per questo che, con l’arrivo della stagione fredda, si teme una nuova ondata anche da noi in Europa .

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Come al solito, i nostri esperti presagiscono un imminente futuro nefasto. La nuova variante sembra spaventare soprattutto loro, che continuamente fanno a gara a chi getta più terrore nella popolazione. La realtà sembra invece molto diversa, i contagiati continuano a riscontrare sintomi sempre meno pesanti e risolvibili in un paio di giorni.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!