“Mamma, mi fa male la testa”. 15enne muore in ospedale dopo 5 giorni di agonia (2 di 2)

Ascolta questo articolo

Ieri, 27 ottobre 2022, presso l’ospedale Perrino di Brindisi, una ragazzina di soli 15 anni è deceduta. Il tragico epilogo è sopraggiunto dopo che, il 22 ottobre 2022, si era fatta accompagnare al pronto soccorso del nosocomio pugliese. Sperava che i medici potessero darle qualcosa per calmare il suo fortissimo mal di testa che non le lasciava tregua. Al momento non si sa cosa abbia determinato il suo decesso.

Quel che è certo è che, in 20 giorni, questo è il secondo caso di decesso, simile a quello verificatosi il 10 ottobre scorso; data in cui, sempre al Perrino, è morta una 14enne a causa di una miocardite. Stando a quanto ricostruito, la ragazzina, che accusava una forte cefalea, si è presentata in pronto soccorso. Da lì è stata trasferita, in un primo momento, nel reparto di pediatria e, dopo qualche giorno, quando le sue condizioni sono fortemente peggiorate, in neurochirurgia, dove è stata operata d’urgenza.

Dall’Asl di Brindisi fanno sapere che l’intervento è “tecnicamente riuscito” ma, che, durante la permanenza in terapia intensiva, si è nuovamente ripresentato un ascesso cerebrale. i familiari della vittima hanno sporto denuncia e sul caso sta indagando la polizia. Sul corpo della ragazzina verrà effettuata l’autopsia per fa luce sulle cause del decesso.

Un’altra famiglia è stata devastata da un lutto troppo forte, atroce, avvenuto proprio in quella struttura che avrebbe dovuto curare la loro bambina. Ovvio che, dinnanzi a questa situazione, la rabbia per una morte così improvvisa prende il sopravvento. Tanti i perché, tanti i dubbi che aleggiano attorno a quest’assurda vicenda, in cui la vita di un’adolescente è stata stroncata tutto ad un tratto.

In tantissimi i messaggi di cordoglio fatti pervenire ai genitori di M.C.. Un’amica di famiglia ha scritto su Facebook: “Non doveva andare così, la vita è ingiusta, riposa in pace piccola” , mentre in un altro post si legge: “Un dolore indescrivibile, non si può”. La madre della vittima, ha urlato tutta la sua disperazione sui social network, con questo toccante messaggio: “Te lo prometto con tutte le mie forze, avrai giustizia piccola mia”. E’ necessario far chiarezza, proprio in nome di quelle famose parole che così tanto si pronunciano: giustizia e verità.

Scopri altre storie curiose