Mamma e figlio morti a 27 e un anno: cosa è emerso dall’autopsia (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ci sono storie che si fa fatica a raccontare, pur occupandosi da tanto di cronaca. Sono storie che non vorremmo leggere per non star male ma che hanno fatto il giro del web per la loro durezza.

Sono le storie di madri e dei loro piccoli figli. Ogni rapporto è a sé. Ci sono madri premurose, madre assassine, madre disperate che, forse, non hanno mai avuto nessuno che le abbia per davvero ascoltate.

La maternità nasconde un mondo di fragilità, paure, preoccupazioni, specie per chi è di suo un soggetto ansioso ma, a volte, i problemi sono altri.  I problemi risiedono nel non essere comprese, supportate, aiutate.

In fin dei conti madri non si nasce, lo si diventa, ognuno a proprio modo ma si ha sempre bisogno di qualcuno che ci consigli, ci indirizzi e ci aiuti nei momenti di difficoltà.

Quella che sto per raccontarvi è una storia tremenda che giunge da lontano ma che ha letteralmente lasciato sotto choc tutti coloro che hanno avuto la forza di leggerla.