La terrificante profezia di Nostradamus su Re Carlo getta la Famiglia Reale nello sconforto (1 di 2)

Ascolta questo articolo

L’8 settembre è arrivato l’annuncio che nessuno mai avrebbe voluto sentire: quello della morte della regina Elisabetta II. Aveva 96 anni, The Queen, la sovrana più amata di tutti i tempi, e si è spenta serenamente nel castello scozzese di Balmoral.

Lì Elisabetta, icona del 900′, icona di stile, ma soprattutto emblema della sovranità, della fedele e devota osservanza degli impegni regali, stava trascorrendo le sue ultime vacanze estive.

Ieri, i funerali. Il raccoglimento, il silenzio, la preghiera, la contemplazione del feretro, sono state le costanti della cerimonia di addio, nell’Abbazia di Westminster.

Alla presenza di 2000 invitati e più di 500 teste coronate e capi di Stato, ma soprattutto della Royal Family al completo, è stato dato l’ultimo saluto alla regina che ha segnato un’epoca.

Con il primogenito della regina, re Carlo III, che ha accettato il peso simbolico della corona e quello reale della monarchia, specie in questa fase storica così delicata, ha inizio una nuova era.