La figlia di Roberta Ragusa torna a parlare dell’innocenza del padre e dei retroscena sulla mamma (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Di tempo ne è passato tantissimo da quella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012, quando di Roberta Ragusa, una bellissima moglie e madre, dai bellissimi occhi azzurro cielo, si persero le tracce a San Giuliano Terme, in provincia di Pisa.

Roberta Ragusa, all’epoca dei fatti, aveva due figli piccoli, Daniele e Alessia, ed un matrimonio in crisi, quello con Antonio Logli. Il suo caso, in men che non si dica, divenne mediatico e, ad oggi, il suo corpo non è stato ritrovato.

Secondo quanto riferito dallo stesso marito, si sarebbe allontanata, con indosso solo un pigiama, nonostante i meno 6 gradi registrati nella zona, in quel rigido inverno.

Come sappiamo, dopo un’intricata e complessa vicenda giudiziaria, Logli è finito in carcere, condannato in via definitiva a 20 anni di reclusione per l’omicidio e la distruzione del cadavere della moglie.

Nonostante lo scorrere del tempo, per tantissimi aspetti la storia di Roberta Ragusa, di questa moglie e mamma premurosa, continua ad appassionare i telespettatori. In particolare a parlare, in un’intervista rilasciata a Quarto Grado, è stata proprio Alessia Logli.